A Nuoro la riconferma del sindaco uscente Andrea Soddu. A Porto Torres, ex roccaforte M5s, vittoria per Massimo Mulas. A Quartu Sant’Elena si impone Graziano Milia, alla guida di sei civiche. Il centrodestra esce sconfitto da tutti i ballottaggi nei tre Comuni chiamati alle urne domenica per il secondo turno in Sardegna, governata proprio dal centrodestra con Christian Solinas. Nell’unico capoluogo al voto, Nuoro, i cittadini hanno premiato ancora una volta il candidato civico di centrosinistra, Soddu. Dopo il primo turno, a favore del sindaco uscente si sono espressi altri partiti del centrosinistra, tra cui il Pd, gli indipendentisti di Liberu, il senatore del M5s Gianni Marilotti e l’Anpi. Endorsement che hanno reso schiacciante la vittoria sullo sfidante del centrodestra, Pietro Sanna, sostenuto da Partito Sardo d’Azione, Lega e Fratelli d’Italia: Soddu ha ottenuto il 67% dei voti mentre Sanna, architetto di 53 anni, si è fermato al 33%.

La sconfitta a sorpresa il centrodestra l’ha subita invece a Porto Torres. Fuori dai giochi il Movimento 5 stelle che non è riuscito nell’intento di riconquistare una delle sue roccaforti in Sardegna, il favorito dopo il primo turno era Alessandro Pantaleo – sostenuto da Psd’Az, Lega, FdI e Fi – che aveva ottenuto il 39% contro il 26% di Mulas (centrosinistra). La situazione però si è ribaltata al ballottaggio: 53% di voti a favore di Mulas e Pantaleo battuto. Decisivo l’appoggio della coalizione civica guidata da Franco Satta, ma anche che l’elettorato di centrodestra ha sorprendentemente disertato le urne dopo la buona performance di due settimane fa.

A Quartu Sant’Elena, infine, Milia è riuscito ad avere la meglio su Christian Stevelli (44,2% al primo turno), candidato del centrodestra e Psd’Az, molto vicino al presidente della Regione Solinas. Il civico, già sindaco di Quartu, è avanti di 14 punti sull’avversario a oltre metà scrutinio: salvo colpi di scena, tornerà al vertice del municipio dopo 19 anni alla sua esperienza amministrativa. Milia, sostenuto appunto da 6 liste civiche, ha potuto contare al secondo turno sull’appoggio dell’elettorato di centrosinistra e indipendentista. Stevelli, consulente del governatore, è stato bocciato alle urne.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Usa, Trump non si arrende: “Ho vinto queste elezioni, e di molto”. Poi va a giocare a golf, mentre la Cnn incorona Biden

next