Il Pd si è svegliato primo partito. Non solo in Emilia-Romagna, dove sarebbe stata una notizia il contrario, ma anche in Calabria, dove il centrosinistra è arrivato a 25 punti di distanza dalla neopresidente Jole Santelli. Nicola Zingaretti può tirare un sospiro di sollievo: grazie a Stefano Bonaccini, alla capacità di coinvolgimento delle Sardine, e a un’affluenza superiore di trenta punti rispetto al 2014, il Partito democratico regge l’urto della Lega e torna a essere la prima forza in Emilia-Romagna.

Emilia, Pd primo partito, ma perde 10 punti dal 2014 – I dem hanno il 34% e 744mila voti, due punti e quarantamila voti in più rispetto alle europee del 2019, quando con un’affluenza sostanzialmente identica a quella di ieri c’era stato lo storico sorpasso della Lega. Il partito di Matteo Salvini è passato dal 34% (e 759mila voti) al 32% e 685mila preferenze, piazzandosi secondo. Alle regionali del 2014, invece, aveva preso il 19% e 233mila preferenze ma con un’affluenza più bassa di trenta punti. Rispetto a cinque anni fa, in ogni caso, i dem perdono dieci punti percentuali: nel 2014 l’affluenza si era fermata al 37% e il 44% del Pd corrispondeva a 535mila voti. Bonaccini, invece, raddoppia essenzialmente gli elettori: dai 615mila presi cinque anni fa passa a un milione e 194mila voti.

Voto disgiunto al 3% ma non è decisivo – Il governatore prende il 51%, tre punti in più rispetto a quelli raccolti dalla sua coalizione. Merito del tanto atteso voto disgiunto, che comunque non è stato decisivo. In attesa dei flussi elettorali, è evidente che hanno scelto il governatore uscente l’1,2% di elettori dei 5 stelle che non hanno messo la loro X sul nome del loro candidato presidente. Ma a Bonaccini sono probabilmente andati anche i quasi due punti percentuali di elettori di centrodestra che non se la sono sentita di votare Lucia Borgonzoni: la senatrice della Lega ha preso il 43,6%, la sua coalizione il 45,4%. Gli altri candidati sono rimasti tutti di gran lunga sotto il punto percentuale, ma con gli stessi voti delle liste: il signor Domenico Battaglia del Movimento 3 V (significa Vaccini vogliamo la verità) si attesta sullo 0,47%. Lo seguono a ruota sotto il mezzo punto la candidata comunista Laura Bergamini, Marta Collot di Potere al Popolo e Luigi Stefano de L’Altra Emilia Romagna.

Male la lista di Bersani, scompare Forza Italia – La vittoria del governatore uscente passa non solo dal Pd ma anche dalla sua lista civica che prende il 5,77%. Non va benissimo, ma conquista un risultato assolutamente soddisfacente, Emilia Romagna coraggiosa, cioè la lista appoggiata da due ex presidenti come Pierluigi Bersani e Vasco Errani: supera lo sbarramento al 3,7%. Delle altre solo Europa Verde e + Europa superano il punto percentuale. A destra male la lista della Borgonzoni che si ferma all’1,73% mentre Fratelli d’Italia passa dal 4% dell’Europee (104mila voti) all’8,7% e 180mila preferenze di ieri. Nel 2014 il partito di Giorgia Meloni era stato votato da 23mila persone: meno del 2 percento. Più o meno la stessa percentuale che prende oggi Forza Italia: il partito di Silvio Berlusconi in Emilia è a un passo dall’estinzione col 2,56% e 54mila voti. Solo sei mesi fa, alle Europee, era al 6% (131mila voti) ma il trend negativo si registrava già cinque anni fa con l’8,36% e 100mila voti.

Flop M5s, rischia in Calabria – Come previsto arriva un flop pesantissimo per il Movimento 5 stelle, che in Emilia supera lo sbarramento di poco mentre in Calabria è fuori dal consiglio regionale. Lo sfidante di Bonaccini, Simone Benini, si ferma al 3,5% mentre la lista arriva a prendere il 4,7%: 100mila voti dovrebbero bastare per eleggere due consiglieri. Alle regionali del 2014 i 5 stelle in Emilia avevano preso il 13% e 167mila voti, stessa percentuale alle europee del 2019, quando i voti erano però 290mila. Quindi in sei mesi i cinque stelle perdono 190mila voti: era un risultato in qualche mod atteso, ma non potrà essere sottovalutato nella Regione del primo V-Day. Soprattutto se davvero i grillini dovessero rimanere fuori dal consiglio in Calabria. L’aspirante governatore Francesco Aiello è dato al 7,3% e 54mila voti ma era sostenuto da due liste: quella dei 5 stelle è al 6,2% e 44mila voti mentre la civica Liberi di cambiare prende l’1,1. Un vero flop visto che l’idea di correre con due liste inserisce i grillini tra le coalizioni: vuol dire che per superare lo sbarramento occorre l’8 e non il 3%, come in Emilia. Quando mancano sessanta sezioni i 5 stelle sono fuori dal consiglio regionale, sei mesi dopo essere stati il primo partito alle Europee con il 26% e 194mila voti. L’unica magra, magrissima, consolazione per i grillini è il paragone rispetto a ultime regionali, quando presero il 4,8 e 38mila voti: dopo cinque anni crescono, ma è una crescita molto poco inutile.

In Calabria Fi fa meglio della Lega – Esulta invece il centrodestra con Jole Santelli che batte di 25 punti e 200mila voti il centrosinistra di Pippo Callipo. A garantire l’elezione della deputata di Forza Italia è l’ottimo risultato della sua lista (che volta oltre l’8%), il 13% portato in dote da due liste berlusconiane con nomi degli anni ’90 (si chiamane Casa della Libertà e Udc Libertas) e lo stesso partito di Berlusconi, che in Calabria riesce addirittura a fare meglio – seppur di soli 700 voti – della Lega: prende il 12,5% e 96mila voti, in linea con il risultato delle Europee (13% e 95mila voti) e delle regionali 2014 (95mila voti e 12%). Il partito di Salvini, invece, si ferma al 12,2% e 90mila voti: alle Europee con la stessa affluenza aveva preso il 22% e 164mila voti, mentre cinque anni fa non aveva neanche presentato la lista. Risultato in linea con il voto di maggio anche per Fratelli d’Italia, che è al 10,9% (77mila preferenze) cinque volte in più rispetto al 2,47% del 2014, quando però esprimeva la candidata presidente Wanda Ferro.

Callipo straperde, Pd primo anche in Calabria – Nel centrosinistra, nonostante la sonora sconfitta di Callipo, il Pd conquista la piazza di primo partito: ha preso il 15,4% e 113mila voti. Nel 2014, quando i dem avevano vinto le elezioni con Mario Oliverio, aveva preso il 23% e 185mila voti ma all’epoca la Lega non partecipava alle elezioni. Alle Europee i dem sono stati la terza forza della regione col 18% e 133mila voti, dietro il Carroccio e M5s. La forza del Pd in Calabria è stata dunque quella di perdere meno voti rispetto a quelli persi dai partiti di Salvini e Luigi Di Maio. A determinare la sconfitta di Callipo è invece il fatto di avere avuto il sostegno della metà delle liste che sostenevano Santelli: tre contro sei. Da registrare il buon risultato della civica personale: ha preso l’8%. Bene anche la coalizione civica di Carlo Tansi: è al 7,2%, ma rischia di rimanere fuori dal consiglio regionale. Ha comunque preso più o meno gli stessi voti del candidato dei 5 stelle.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, le elezioni sono andate come previsto. Ma a perdere non sono solo i partiti sconfitti

next
Articolo Successivo

Regionali Emilia-Romagna, Bonaccini: “La Lega mi diceva di fare le valigie, si sono pavoneggiati fino alla fine”

next