“È indegno andare in giro a citofonare additando singoli cittadini. Mi ricorda pratiche oscurantiste del passato: è un ‘dagli all’untore’ che non possiamo accettare, tantomeno da chi per 15 mesi ha fatto il ministro dell’Interno e aveva una grande responsabilità di perseguire quei reati e ora ha una grande responsabilità come leader d’opposizione. Sono scorciatoie che non possiamo accettare“. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte che fuori da Palazzo Chigi ha commentato i risultati delle Regionali complimentandosi con Santelli e Bonaccini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorno della Memoria, Mattarella: “In Italia la persecuzione ebrei non fu all’acqua di rose, ma spietata: metà dei deportati catturati da fascisti”

next
Articolo Successivo

Il voto in Emilia Romagna insegna che gli slogan non pagano sempre

next