Harvey Weinstein era il re di Hollywood: produttore di film campioni d’incassi e premiati con l’Oscar, capo di un vero e proprio impero cinematografico. Ma nel 2017 arriva la bufera: un gruppo sempre più nutrito di donne comincia a denunciare abusi e molestie sessuali subiti ad opera di Weinstein. Le testimonianze aumentano giorno dopo giorno e il re Mida di Hollywood, da tutti rispettato o temuto, si trasforma in un mostro. Lo speciale Weinstein: sesso a Hollywood arriva in prima visione assoluta domenica 19 gennaio alle 22 su Crime+Investigation (in esclusiva su Sky al canale 119).

Collaboratrici, assistenti, segretarie, attrici e giornaliste raccontano la bulimia sessuale del produttore più potente del cinema Usa. Tra le voci spicca quelle delle attrici Melissa Thompson con una sorprendente testimonianza video inedita e dell’ex protagonista di Streghe, Rose McGowan che si è fatta paladina del movimento #Metoo, formatosi proprio dopo le prime accuse al magnate cinematografico.

Secondo le testimonianze delle vittime, Weinstein le invitava in un hotel o in ufficio con il pretesto di parlare della loro carriere, esigendo un rapporto sessuale. Numerose le attrici di fama internazionale che l’hanno accusato di violenza sessuale, tra queste: Ashley Judd, Angelina Jolie, Asia Argento, Salma Hayek, Uma Thurman.

Proprio in questi giorni, Weinstein ha raggiunto un accordo extra-giudiziario con un patteggiamento da 25 milioni di dollari con diverse sue accusatrici. E tuttavia, dopo le accuse mosse contro di lui, quello che è certo è che nulla a Hollywood sarà più come prima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2020: Giovanna Civitillo, moglie di Amadeus, sarà inviata a La Vita In Diretta

next
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Roger Garth: “Zequila ha detto a Carlotta Maggiorana ‘ti dò un cazzotto e ti uccido'”. Scoppia la polemica

next