Un accordo di massima da 25 milioni di dollari con alcune delle sue accusatrici. Secondo il New York Times l’ex produttore di Hollywood Harvey Weinstein, accusato di molestie sessuali, ha raggiunto l’intesa con alcune delle attrici che lo hanno denunciato e riguarda tutte le procedure civili, ma non lo mette al riparo dalle accuse in sede penale per le quali andrà a processo. L’accordo deve ancora avere il via libera del tribunale.

Come spiegato dai suoi avvocati, l’intesa di massima – che avrebbe ricevuto l’ok della maggior parte dei soggetti coinvolti – prevede che Weinstein non sia costretto ad ammettere di aver avuto comportamenti illeciti. Il denaro, inoltre, sarebbe rimborsato dalle società di assicurazione che stanno gestendo la bancarotta della società dell’ex produttore.

Weinstein è stato incriminato lo scorso anno con l’accusa di violenza sessuale per un episodio risalente al 2013 e di aver costretto ad un rapporto orale una donna nel 2006. Dall’ottobre di due anni fa, oltre 80 donne – tra cui attrici come Salma Hayek, Ashley Judd e Angelina Jolie – lo hanno accusato pubblicamente di molestie e di violenza sessuale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Regno Unito, Johnson superfavorito al 43%: con lui Brexit entro 31 gennaio. Ma resta l’incognita dei 18 collegi “super marginali”

next
Articolo Successivo

Elezioni Regno Unito, Johnson si nasconde in una cella frigorifera per evitare le domande di un giornalista

next