La legge lede l’autonomia dei giudici, prevede pesanti sanzioni per “chi critica nomine e fa attività politica” e l’esclusione dei magistrati che nuocciono al funzionamento del sistema di giustizia”. È passata alla Camera e, anche se deve ancora arrivare al Senato, ha già suscitato proteste anche a Bruxelles. E ora i giudici polacchi hanno deciso di convocare una marcia silenziosa l’11 gennaio a Varsavia, dalla Corte Suprema al Parlamento, per tenere alta l’attenzione ripetuti tentativi di controllo da parte del governo sul sistema giudiziario locale, attraverso prepensionamenti anticipati con agevolazione di nuove nomine filo-governative, frequentissime azioni disciplinari e attacchi pubblici nei confronti della magistratura. Una serie di azioni culminate proprio con la recente approvazione della legge in un ramo del Parlamento, voluta dai populisti di Diritto e giustizia (Pis), che alle elezioni di ottobre hanno vinto con oltre il 43% dei consensi.

A fianco della rete di organizzazioni attive sul tema (Iustitia democracja, Themis judges association, Defensor Iuris, Pro Familia, Free Courts, Lex Super Omnia, Family judges association) per l’Italia saranno presenti, Luca Poniz, presidente dell’Associazione nazionale magistrati, Vito Monetti, già presidente di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés) e Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e fondatore di Eumans, il movimento paneuropeo di iniziativa popolare creato per raggiungimento degli obiettivi Onu sullo sviluppo sostenibile.

A Varsavia Cappato raccoglierà assieme agli organizzatori della manifestazione adesioni all’Iniziativa dei cittadini europei formyrights.eu, per la creazione di un meccanismo imparziale di valutazione per verificare l’applicazione dei valori europei da parte degli Stati membri a proposito dello Stato di diritto. “L’Unione europea – spiega Cappato – deve dotarsi degli strumenti per intervenire in materia di diritti fondamentali con almeno pari forza di quanto può fare in materia di parametri economici”. Per l’esponente radicale quanto sta accadendo in Polonia rappresenta “un attacco alla libertà di tutti i cittadini europei” e “se l’Unione europea dovesse tollerare una simile violazione dei propri valori fondanti da parte di uno Stato membro – che sia la Polonia, l’Ungheria, l’Italia o un qualsiasi altro Stato – sarebbe colpita irrimediabilmente la speranza stessa di un’Europa capace di difendere la democrazia e il diritto”. Cappato, poi, sottolinea “quanto sia importante che il governo e le maggioranze parlamentari non abbiano un potere diretto per imporre decisioni ai giudici o alla Corte costituzionale. Tragicamente, è proprio ciò che sta accadendo in Polonia“.

(nella foto Jarosław Aleksander Kaczyński, leader del partito di maggioranza Diritto e giustizia)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Parigi, identificato il minore trovato morto nel carrello di un aereo Air France: era uno studente di 14 anni

next
Articolo Successivo

Usa-Iran, Isis esulta per l’uccisione in Iraq del generale Qassem Soleimani: “È un atto divino”

next