I conservatori nazionalisti al potere in Polonia riconfermano la maggioranza assoluta in parlamento. Il partito Diritto e Giustizia di Jaroslaw Kaczynski ha vinto le elezioni col 43.6% dei consensi e grazie al premio di maggioranza otterrebbe 239 dei 460 seggi della camera bassa. L’opposizione di Coalizione civica, che comprende anche la formazione di Donald Tusk, si ferma al 27,4% sempre secondo i dati disponibili alle 22. L’affluenza viene indicata al 61,1%, quindi superiore a quella delle precedenti elezioni (50,2% nel 2015) ma non record come quella delle prime consultazioni elezioni dopo la svolta democratica del paese nel 1989 (62,7%).

Chi è Kaczynski – 70 anni, si è impegnato in prima persona in una campagna elettorale connotata da toni omofobi, da promesse sul miglioramento del welfare attraverso l’aumento del salario minimo e dei bonus bebè, e da una forte attenzione al mondo rurale. Si presenta come il difensore di valori tradizionali, della famiglia e della fede cattolica minacciate dall’”ideologia Lgbt” che viene dall’Occidente. La Chiesa lo sostiene alle Europee del maggio scorso peraltro aveva stravinto con il 45,4% dei voti. Un appello a un voto di centro-sinistra e filo-europeo è venuto dalla nuova Premio Nobel per la letteratura Olga Tokarczuk. Con lui la Polonia è finita nel mirino dell’Unione europea per la violazione dello stato di diritto e la Commissione ha deciso di deferire Varsavia alla Corte di giustizia dell’Ue in merito al nuovo regime disciplinare sui giudici, richiedendo una procedura accelerata. Lo scorso 3 aprile la Commissione europea ha avviato la procedura di infrazione contro la Polonia in base al fatto che il regime disciplinare mina l’indipendenza giudiziaria dei giudici e non assicura le garanzie necessarie per proteggerli dal controllo politico, come richiesto dalla Corte di giustizia dell’Ue.

I tre blocchi dell’opposizione – Il principale è “Coalizione civica” (Ko), di centro-liberale, formata fra l’altro da Piattaforma civica – fondata dal presidente Ue Donald Tusk e guidata da Grzegorz Schetyna – con Nowoczesna (Moderna) e il piccolo partito dei Verdi. Il secondo schieramento “La Sinistra” (Lewica) riunisce la vecchia Alleanza della sinistra democratica (Sld), diventata extraparlamentare dopo il 2015 e guidata ora da Wlodzimierz Czarzasty, con i nuovi partiti Wiosna (Primavera) e Razem (Insieme). Il terzo blocco (Coalizione polacca, Kp) è nato dal recente flirtare del Partito popolare polacco (Psl) – formazione di centro di radici rurali guidata da Wladyslaw Kosiniak-Kamysz – fra l’altro col gruppo di un cantante già filo-Pis, Pawek Kukiz.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tunisia, il nuovo presidente è Saïed: il “Robocop” anticorruzione ha battuto il “Berlusconi d’Arabia” (scarcerato da 4 giorni)

next
Articolo Successivo

Israele, software antiterrorismo usato per spiare attivisti all’estero. A quando i controlli?

next