Serena Grandi è pronta a candidarsi alle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna nella lista civica della candidata della Lega, Lucia Borgonzoni. L’ufficialità sarebbe questione di ore: “Ci stiamo guardando, ma può essere che si chiuda su di lei a Bologna”, ha confermato Borgonzoni spiegando che la lista”l’abbiamo voluta lasciare realmente civica e non un ricettacolo di ciò che sarebbe rimasto fuori da altre liste”. Nelle scorse settimane, l’attrice, che abita a Rimini, aveva pubblicamente espresso il proprio sostegno alla Borgonzoni, lanciando un appello a Matteo Salvini per una sua possibile candidatura nelle sue liste: “Voterò per lei: noi donne siamo fortissime, sappiamo come fare. C’è un sacco di delinquenza e allora ho pensato a Salvini, e a ritrovare la nostra identità che non abbiamo più”.

“Sono convinta di poter dare una mano a Lucia – ha spiegato Serena Grandi, all’anagrafe Serena Faggioli -, non è la prima volta che mi schiero in politica, mi candidai già vent’anni fa con Alessandra Mussolini, dopo aver scritto il libro ‘L’amante del federale’. Borgonzoni mi convince, credo che le donne siano fortissime e d’ora in poi possiamo fare più degli uomini. Questo vale specialmente per le romagnole”. Se dovesse essere confermata la cosa, Serena Grandi sarà candidata nella lista Borgonzoni presidente della circoscrizione di Bologna, dove già figurano i nomi del figlio dell’ex campione del Bologna Giacomo Bulgarelli, Stefano, del consigliere comunale Giulio Venturi e dell’ingegnere dell’Anas Barbara Lodi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Notre-Dame, niente messa di Natale nella cattedrale distrutta dall’incendio: è la prima volta in 216 anni

next
Articolo Successivo

Harry e Meghan, la cartolina con gli auguri di Natale con il piccolo Archie in primo piano fa discutere

next