Smoothie verde con bastoncini di verdure
1 finocchio
1 mela verde
200 g di spinacini
1 limone
1 carota
1 costa di sedano
6 ravanelli
noce moscata

Pulite, lavate e asciugate tutta la verdura. Fate a pezzi il finocchio e la mela, spremete il limone. Radunate tutto in un frullatore tranne carota, sedano e ravanelli; azionate fino a ottenere un composto omogeneo, aiutandovi con l’acqua necessaria per raggiungere la consistenza desiderata. Trasferite lo smoothie in 6 bicchieri grandi. Tagliate a bastoncini la carota e il sedano; incidete ogni ravanello a fiore. Sistemate i bastoncini nei bicchieri e guarnite ognuno con un ravanello. Spolverizzate con la noce moscata e servite.

Ceci croccanti
300 g di ceci cotti
2 cucchiaini di paprica dolce
1 rametto di rosmarino
1 cucchiaio di farina di riso
3 cucchiai di olio evo
peperoncino
sale

Asciugate molto bene i ceci. Mescolate in una ciotola farina, sale, peperoncino, rosmarino tritato, paprica dolce e olio. Unite i ceci e rivestiteli bene. Stendeteli in un solo strato su una teglia rivestita con carta da forno. Infornate a 200° per 25-30 minuti rigirandoli più volte. Serviteli caldi.

INDIETRO

Natale, le ricette per un menù ‘unico’. Senza escludere allergici e intolleranti

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pietro Leemann, il cuoco anti-Masterchef del primo ristorante stellato vegetariano: “Chi conosce la sofferenza degli animali rinuncia alla carne”

next
Articolo Successivo

Marc Veyrat, la Michelin gli toglie una delle sue tre stelle e lui porta la Guida in tribunale ma perde la causa. “Mai messo il cheddar nel soufflé”

next