Qualsiasi cosa che finisce in maniera dolorosa mi fa star male e mi dispiace. L’amore per me è come la vita, si commettono degli errori. Diana è un essere umano stupendo e vederla soffrire mi fa male“. A dirlo, con gli occhi lucidi per le lacrime trattenute a stento, è Paolo Ruffini che, ospite dell’ultima puntata di Verissimo, si è confidato con Silvia Toffanin, parlando per la prima volta della fine della sua storia d’amore con Diana Del Bufalo. I due stavano insieme dal 2015 ma già da qualche mese erano in crisi, come aveva confidato l’attrice ai suoi fan su Instagram, poi lunedì è arrivato l’annuncio ufficiale della rottura: “Provo rabbia e risentimento, la delusione mi ha resa una donna”, si è sfogata Diana Del Bufalo.

Parole forti, alle quali Ruffini ha in qualche modo replicato nel corso dell’intervista a Verissimo: “Tenevo più alla sua felicità che alla mia e alla sua vita più che alla mia. L’ho amata tanto e a volte il mio amore può essere stato sbagliato. Diana rimarrà sempre una principessa Disney meravigliosa”, ha spiegato l’attore toscano. I due non stanno insieme ormai da un mese ma la ferita è ancora aperta.

E quando Silvia Toffanin gli chiede se possa esserci un ritorno di fiamma risponde amareggiato: “Credo che il suo sia un dolore che mette il punto. Diana ha una sensibilità imprevedibile, grande quanto la sua bellezza e la sua simpatia. Ora questa sua sensibilità è messa a dura prova. Le auguro il Natale più bello del mondo e che possa trovarmi in qualche angolo”.

Infine, tirando le somme di quest’anno 2019 che volge quasi al termine, rivela: “Quest’anno è stato importante. Finisco l’anno in modo più solitario, nostalgico e malinconico, ma con una consapevolezza. Sto cercando di evolvermi, di imparare ad essere un pochino più morigerato. Bisogna accettarsi, non si può essere sempre perfetti, la vita è fatta di difetti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

J. K. Rowling, la scrittrice di “Harry Potter” sui social è accusata di transfobia. Ecco che cosa ha scritto e perché

next
Articolo Successivo

Sale sulle auto dei carabinieri, poi sputi e insulti all’Arma: trapper di Monza posta il video e viene denunciato

next