Dopo quattro anni di alti e bassi, la relazione tra Diana Del Bufalo e Paolo Ruffini è arrivata al capolinea. L’attrice romana ha dato l’annuncio della rottura con un lungo post su Instagram: “Con il rischio di sembrare patetica, comunico questa cosa perché non ce la faccio più: io e Paolo non stiamo più insieme già da un mese e mezzo. Cercherò di moderare la rabbia e il risentimento che sto provando in questo momento”.

I due attori, 41 anni lui e 29 lei, si frequentano ufficialmente dal 2015: negli ultimi mesi si erano rincorse le voci di crisi, alimentate anche dalle poche apparizioni della coppia insieme. Lei era partita per un viaggio con l’attore Cristiano Caccamo, lui a Novella2000 aveva confessato che stavano vivendo la loro storia d’amore alla giornata, senza fare progetti, tra momenti difficili e momenti belli. Ieri, l’annuncio definitivo della rottura: “Ho tentato con lui…. tanto – scrive Diana accanto alla foto di un fiore di tarassaco – Il mio animo Disney non mi ha mai abbandonato e la voglia di vivere un amore sereno continua a permeare in me. Le persone non cambiano e non SI cambiano”. E poi lascia sfogo alle sue emozioni: “La grande delusione e l’immensa sofferenza che mi faceva piangere sul pavimento di camera mia, mi ha resa donna… per questo, lo ringrazio. A 29 anni posso dire di essere una donna cosciente, buona, completa e che sa quello che vuole!” Infine, un appello alle altre ragazze: “Donne, lo sapete di avere il sesto senso… ascoltatelo”.

Immagine tratta da youtube: www.youtube.com/watch?v=veA3ffZ3mw0

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2020, Roberto Benigni torna all’Ariston: “Eccome se ci vado! Per me è una favola”

next
Articolo Successivo

Prova a rapinare la villa, ma viene fermato da sei gatti: ladro messo in fuga a Fermo

next