Violenti scontri si sono registrati nel centro di Santiago del Cile tra manifestazioni e agenti di polizia (i Carabineros de Chile). In particolare, gli scontri si sono registrati nei pressi di piazza Italia, luogo centrale della crisi in corso da un paio di mesi occupata dalle forze antisommossa per impedire le manifestazioni. Nel video, il momento in cui un ragazzo, a volto coperto, viene schiacciato tra due camionette dei carabineros. L’uomo è stato ricoverato in gravi condizioni con fratture multiple.

“Vogliamo che i diritti delle persone che circolano e che vivono nel perimetro di piazza Italia smettano di essere violati”, ha dichiarato il prefetto di Santiago, Felipe Guevara, dicendo che si è deciso di vietare gli assembramenti “per proteggere i cittadini da atti violenti”. La disposizione non ha però impedito a diversi gruppi di manifestanti, principalmente giovani, di tentare di entrare in piazza. Ne è seguita la reazione della polizia, che ha utilizzato getti d’acqua e gas lacrimogeni per fermarli. Dopo un’ora di scontri, i manifestanti hanno abbattuto le barriere di metallo che bloccavano l’accesso alla piazza e sono iniziati gli scontri con la polizia. Un secondo gruppo di manifestanti ha marciato verso il palazzo del governo a La Moneda, dove sono state lanciate pietre contro la polizia che li ha dispersi con gas lacrimogeni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polonia, Camera approva legge contro l’autonomia dei giudici: sanzioni per chi critica nomine e fa “attività politica”

next
Articolo Successivo

Romania, 30 anni dalla fine di Ceausescu: cronologia di una dittatura e della Rivoluzione

next