Nel corso delle proteste in Cile un gruppo di professori ha intonato una particolare versione di Bella Ciao. Non è la prima volta che i manifestanti cileni, che ormai da giorni stanno scendendo in piazza contro il carovita e le misure del governo, cantano la canzone simbolo della lotta partigiana. Bella Ciao è stata presa in prestito anche durante le ultime manifestazioni in Ecuador contro il presidente Lenin Moreno

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marijuana, Colorado 5 anni dopo la legalizzazione: record di gettito, ma visite psichiatriche quintuplicate al pronto soccorso

next
Articolo Successivo

Cile, rimpasto di governo in chiave neoliberista. Proteste a Valparaiso: militari lanciano lacrimogeni anche sui bambini

next