Bagarre in aula al Senato sullo stralcio della norma sulla cannabis light dalla manovra. All’annuncio della presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati è scoppiato l’applauso delle opposizioni mentre la maggioranza ha protestato. “Siamo molto dispiaciuti della sua decisione – ha detto il senatore M5s, Matteo Mantero – l’emendamento non riguarda la droga ma semplicemente degli agricoltori. L’applauso che hanno fatto le opposizioni l’hanno fatto in faccia a 12mila famiglie. Le chiedo di dimostrare che la sua scelta era scevra da qualsiasi pressione della sua parte politica e voler mettere in calendario in votazione alla prima seduta utile la richiesta di urgenza per lavorare sulla canapa industriale, che ho depositato a luglio”. “Come ho già specificato più volte – ha replicato Casellati – mi spiace che lei si riferisca a una decisione che dovrebbe essere scevra da condizionamenti politici, le voglio far presente che lo sono tutte le mie decisioni. È una decisione meramente tecnica. Se ritenete questa misura importante per la maggioranza fatevi un disegno di legge“.

Simone Pillon, della Lega, se l’è presa col M5s: “Vergogna, volete dare la droga ai ragazzini”. Poi l’intervento di Alberto Airola viene bersagliato da Fratelli d’Italia: “Perché non commercializzare la cocaina?”. La lite è proseguita anche quando ha preso la parola Andrea Marcucci, con Ignazio La Russa che ha urlato a un senatore del Movimento 5 stelle “drogato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cannabis light, Casellati: “Inammissibile la norma”. Lega applaude. M5s: “Pressione politica”. Ministro D’Incà: “Amareggiato”

next
Articolo Successivo

Popolare di Bari, Boccia: “Di Maio vuole pubblici nomi di chi ha creato buco, ma no a ghigliottina anticipata. Obbligazionisti? Rischiano zero”

next