Una sentenza storica che potrebbe cambiare il modello di gestione dei rifiuti in Toscana e non solo. Il Tribunale di Grosseto ha depositato mercoledì la sentenza sull’inceneritore della piana di Scarlino che ha dato ragione ad ambientalisti, singoli cittadini e due associazioni (Stabilimenti Balneari e Coldiretti) che avevano fatto causa civile alla Scarlino Energia per le immissioni inquinanti dello stabilimento che ogni anno dovrebbe bruciare più di 300mila tonnellate di rifiuti. È la prima volta che a fare causa contro una società che gestisce un impianto di incenerimento sono più di 90 soggetti (per questo molti hanno parlato di “class action”) e soprattutto mai era stata intentata per immissioni di tale portate. L’impianto è già chiuso dal 2015 dopo l’ultima sentenza del Consiglio di Stato che bocciava la quinta autorizzazione a bruciare concessa prima dalla Provincia e, dal 2015, dalla Regione Toscana, ma da mercoledì i giudici di Grosseto hanno stabilito che, a queste condizioni, non riaprirà più inibendo “la prosecuzione dell’attività del medesimo impianto nella sua attuale configurazione in quanto suscettibile di produrre le suddette immissioni”.

La sentenza – La sentenza con cui i giudici del Tribunale di Grosseto hanno dato ragione alle associazioni ambientaliste è arrivata dopo un anno e mezzo di lavoro dei consulenti tecnici che, aiutati da medici in grado di valutare le patologie più frequenti nell’area dell’impianto, hanno definito “insostenibile” nella sua “attuale configurazione impiantistica e gestionale” e “da un punto di vista ambientale e/o sanitario” la ripresa delle attività dell’impianto di Scarlino. Non solo: secondo i consulenti del Tribunale, le immissioni degli ultimi anni avrebbero provocato “sia rischi sanitari certi, sia rischi sanitari probabili nel tempo”. Per questo, scrivono i giudici, “deve dunque ritenersi che l’impianto nel suo attuale stato e nella configurazione in cui si trova, qualora messo in funzione sia suscettibile di produrre tutta una serie di immissioni dannose per la salute”. Come dire: il diritto alla salute viene prima di tutto. La sentenza viene considerata storica anche perché apre alla possibilità che un impianto di smaltimento rifiuti possa essere bloccato o chiuso nel caso si dimostri che produca emissioni pericolose per la salute dei cittadini.

La storia dell’inceneritore – La storia dell’inceneritore di Scarlino viene da lontano, almeno dagli anni Sessanta quando nella piana a nord di Grosseto si insedia il colosso della chimica Montedison che qui produce acido solforico. Poi arriva Eni che tenta di produrre energia elettrica dell’incenerimento dei rifiuti prima di vendere l’impianto alla società privata Scarlino Energia che però da dieci anni è al centro di una lunga diatriba giudiziaria per le emissioni inquinanti e la situazione economico-finanziaria dell’impianto. La causa civile parte nel 2013, dopo i controlli di Arpat che avevano registrato emissioni sei volte superiori al limite consentito. Da quel momento le istituzioni – Provincia e Regione – concedono le autorizzazioni e bruciare i rifiuti sempre bocciate, di fronte ai ricorsi, dai giudici amministrativi. Dal 2015 l’impianto è chiuso proprio dopo l’ultima sentenza del Consiglio di Stato. Proprio dopo questa sentenza la società, che nel 2015 aveva 64 milioni di debiti e che si trova in concordato preventivo, ha annunciato il licenziamento di 36 dipendenti che si sono concretizzati lo scorso aprile. Eppure, dopo la chiusura dell’inceneritore di Case Passerini a Firenze, quello di Scarlino sarebbe dovuto diventare il nuovo centro di raccolta di rifiuti da smaltire dal centro della Toscana, con più di 300mila tonnellate annue. A fine luglio, dopo anni di sostegno degli inceneritori, anche il Pd aveva detto di volersi “opporre a qualsiasi impianto di questo tipo”.

Le reazioni – La sentenza depositata mercoledì ha provocato reazioni contrastanti. Da una parte ci sono le associazioni ambientaliste che esultano: “La sentenza conferma quanto abbiamo documentato da tempo – dice Roberto Barocci del Forum Ambientalista Grosseto – l’impianto di incenerimento di Scarlino ha funzionato fuori norma dal 2005 con i forni privi delle dimensioni imposte dalla legge per l’abbattimento delle micidiali diossine, disperse nel territorio della piana”. Anche il M5s toscano, che da sempre si batte contro gli inceneritori, chiede alla Regione di “adeguarsi definitivamente” e di “impedire qualsivoglia riapertura dell’inceneritore, fuorilegge dal 2005”. Dall’azienda invece la risposta ufficiale è del presidente Moreno Periccioli che parla di “sentenza attesa e scontata” che non avrà “conseguenze dirette sull’operatività gestionale” visto che l’impianto è chiuso da tre anni. Non solo: la Energia Scarlino spa potrebbe solo “prendere atto della sentenza” senza fare appello visto che nel dispositivo “si parla della ‘attuale configurazione impiantistica’ le cui criticità evidenziate dal Consiglio di Stato nell’ultima sentenza, sono oggetto di richieste di integrazioni e chiarimenti formulate dalla Regione Toscana nel corso dell’ultima Conferenza dei Servizi”: “Ovviamente le sentenze si rispettano, sia quando sono a favore che quando sono avverse, ma nella fattispecie non c’è nessun effetto pratico. Da mesi stiamo lavorando per superare le obiezioni tecniche e ripartire”, conclude Periccioli.

Twitter: @salvini_giacomo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, la protesta di Greenpeace a Bruxelles: fumogeni e striscioni su palazzo Europa

next
Articolo Successivo

Clima, Ue raggiunge l’accordo: obiettivo neutralità nel 2050. Compromesso con la Polonia: aderirà a giugno 2020

next