Sono 18mila i beneficiari del reddito di cittadinanza che hanno già trovato un lavoro. Il dato, aggiornato a metà novembre, arriva direttamente da Mimmo Parisi, presidente dell’Anpal, Agenzia nazionale politiche attive del lavoro. “Trovo irresponsabile – ha dichiarato Parisi polemizzando con alcune notizie pubblicate su diversi giornali – diffondere notizie e dati non verificati. I Centri per l’Impiego stanno svolgendo in queste settimane un compito encomiabile, per prendere in carico i beneficiari del reddito di Cittadinanza tenuti al Patto per il lavoro. Oltre 200 mila beneficiari si sono già presentati ai Centri”. “Noi come Anpal abbiamo messo a disposizione 3mila navigator, tutti operativi, e stiamo fornendo assistenza tecnica alle Regioni, per facilitare i servizi di accompagnamento al lavoro”, ha aggiunto Parisi.

La fase due del reddito di cittadinanza, ovvero la firma del Patto per il lavoro per cominciare la ricerca di un’occupazione, ha preso il via a inizio settembre. Sono 704.595 i beneficiari che devono essere convocati dai centri per l’impiego, con l’obiettivo di trovare un nuovo lavoro. Come previsto dalla legge, devono cercare un’occupazione – pena la perdita dell’assegno – non soltanto gli intestatari del reddito, ma anche i componenti del nucleo familiare maggiorenni che non sono occupati e che non frequentano un corso di studi. Sono esclusi invece i beneficiari della pensione di cittadinanza, i beneficiari di età pari o superiore a 65 anni, nonché i componenti con disabilità (fatta salva la volontaria adesione a un percorso personalizzato). Possono essere esonerati invece al momento della convocazione coloro che hanno figli con meno di 3 anni o componenti del nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficienti. Ma anche i frequentanti di corsi di formazione e gli occupati a basso reddito.

Degli oltre 700mila beneficiari considerati occupabili, dopo due mesi e mezzo la procedura è partita solo per poco più di 200mila. Per chi non si presenta partiranno le comunicazioni all’Inps per le sanzioni. “Considerando la portata della riforma e il numero di persone coinvolte, stiamo procedendo a ritmi da record, visto che tutto questo è avvenuto nell’arco di sei mesi”, spiega Parisi. “Per i risultati in termini di posti di lavoro occorre tenere presente che vanno prima svolte tutte le attività propedeutiche che stiamo attuando in queste settimane. Ma intanto circa 18mila beneficiari hanno trovato un’occupazione”, annuncia il numero uno di Anpal. Nella nota si precisa inoltre che “in tutte le Regioni i Centri per l’Impiego stanno procedendo all’attuazione della condizionalità, che prevede un percorso articolato in diverse fasi, dalla convocazione, agli esoneri, al Patto di servizio e all’accompagnamento al lavoro”. I navigator sono operativi in tutte le Regioni e a ognuno di loro, come previsto, sono stati forniti i dispositivi elettronici d’ausilio (tablet e cellulare). Per i navigator campani, contrattualizzati solo di recente dopo il prolungato ostruzionismo del governatore Vincenzo De Luca, il kick off avverrà domani, martedì 3 dicembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Embraco, protesta dei lavoratori davanti alla fabbrica. Appendino: “Dentro non c’è nulla, l’industrializzazione non è partita”

prev
Articolo Successivo

Unicredit, dal 2020 al 2023 altri 8mila posti tagliati e 500 sportelli chiusi: colpita soprattutto l’Italia. Agli azionisti 8 miliardi

next