Dopo tre mesi di attesa, anche i 471 navigator che hanno vinto il concorso in Campania potranno cominciare a lavorare e assistere nella ricerca di un impiego i beneficiari del reddito di cittadinanza. Il governatore Vincenzo De Luca, dopo aver negato per 90 giorni un contratto a tempo determinato a queste persone, ha rotto le sue resistenze. Sono servite le proteste dei navigator e lo sciopero della fame di quattro di loro prima di arrivare a una soluzione. L’accordo raggiunto tra Anpal servizi e la Regione è stato annunciato dalla ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo: “Prima da presidente della Commissione Lavoro del Senato e poi da ministro del Lavoro ho incontrato più volte i navigator, per questo oggi sono molto contenta per loro. Ringrazio – dichiara – le istituzioni coinvolte”.

L’intesa è stata commentata in una nota anche dallo stesso presidente Pd, Vincenzo De Luca: “Si è svolto un cordiale incontro con il presidente di Anpal Domenico Parisi. La Regione ha sollecitato la stabilizzazione dei lavoratori precari presenti in Anpal da oltre un decennio e la contrattualizzazione dei navigator con un’assunzione piena ed esclusiva di responsabilità da parte di Anpal. La Regione ha sollecitato anche un impegno ad affrontare e risolvere altre emergenze occupazionali“. La Campania, si legge ancora nella nota, “ha ribadito la posizione di sempre: lotta al precariato e superamento delle situazioni di emergenza occupazionale. Si è concordato un lavoro di lungo periodo per concludere vicende antiche, partendo dall’impegno di non creare più aree di precariato”.

“Sarà bandito a breve il nuovo concorso per 650 nuove assunzioni stabili nei Centri per l’impiego e si sta lavorando all’ultimo respiro per avviare a conclusione già entro quest’anno il primo concorso bandito dalla Regione per i primi 3mila giovani da mandare a lavorare nei Comuni. Stiamo aprendo davvero una stagione straordinaria per il Lavoro”, conclude De Luca. Che solo qualche settimana fa a Radio Crc dichiarava: “Chi vuole fare i concorsi li faccia come tutte le persone normali, senza fare furbate. Questa storia in Campania, per quanto mi riguarda, è finita. Il lavoro nel pubblico impiego si ottiene facendo concorsi pubblici, non facendo buffonate, né intimidazioni, né cialtronate“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Whirlpool, operai in corteo per le vie di Napoli: “Azienda si è presa gioco del Governo, se chiude fabbrica qui resta il deserto”

next
Articolo Successivo

Lavoro, Inps: nei primi 8 mesi del 2019 +347mila contratti a tempo indeterminato. Incremento del 162% rispetto al 2018

next