di Andrea Taffi

Massimo rispetto, vicinanza e considerazione per chi manifesta in modo pacifico e organizzato, partendo da una mobilitazione generata sulle piattaforme social. Massimo rispetto per chi fa tutto questo contro i populisti, i sovranisti e gli strumentalizzatori di professione, sia che questi si chiamino Matteo Salvini, sia che abbiano altri nomi, più o meno noti e potenti, nazionali e internazionali. Profondo rispetto, insomma, per il fenomeno contestatore dell’attuale momento politico, quello che con un’efficace metafora si è autodefinito col nome di “sardine“.

Gli appartenenti a questo nuovo movimento di popolo, per lo più giovani, sembra che – oltre alla contestazione all’ex ministro degli interni e vicepremier – abbiano in comune il fatto di provenire dal più grande non-partito d’Italia, capace, come tale, di influenzare i risultati elettorali e, per questo, da sempre corteggiato da tutte le forze politiche: gli astenuti. Per la prima volta (è questa, secondo me, la vera forza e novità delle “sardine”) un movimento spontaneo e non preorganizzato politicamente esprime in primis la forza e la voce degli astenuti. Degli astenuti, si badi bene, non dell’astensione.

Sì, perché tutti questi signori e signore venuti dai social con l’orgoglio di essere sardine non in scatola ma in piazza, se vogliono contribuire a cambiare veramente qualcosa in Italia, limitando o addirittura impedendo la prossima vittoria della Lega di Salvini e delle destre tutte, dovranno poi votare, uscire dall’isola dell’astensione e infoltire i voti di quei partiti (Pd e Movimento 5 stelle principalmente) chiamati a combattere dalla trincea governativa gli assalti confusionari ma (per molti, troppi elettori) attraenti e attrattivi.

Se così non fosse (io credo) il rischio sarebbe quello di subire la sorte di tutti quei movimenti spontanei, di piazza, non politicizzati e molto arrabbiati che abbiamo conosciuto in Italia in questi ultimi anni a partire dall’era berlusconiana. Bei movimenti, condivisibili e condivisi, persino commoventi che, però, paradossalmente, si sono infranti contro quella che era la loro originaria forza apolitica, una forza che dopo che nasce e cresce deve trovare alloggio in un ambito prettamente politico e di partito. E questo perché, secondo l’articolo 47 della Costituzione, per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale servono i partiti.

Protestare senza incanalare la forza della protesta in un alveo di un partito politico garantirà (forse) purezza e genuinità, ma non rappresentatività, impulso e forza di effettivo cambiamento. Io credo che non si debba avere disprezzo dei partiti, di quello che essi sono costituzionalmente chiamati a rappresentare. Non si deve pensare che i partiti siano, per definizione, portatori e incubatori di idee politiche distorte e non più condivisibili. Se la nostra Costituzione credeva nei partiti, anche noi (io penso) abbiamo il dovere di fare altrettanto.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Anche la mia destra è un po’ sardina

next
Articolo Successivo

Fondazione Open, Marattin: “Se ci sarà processo aspettiamo la Cassazione. Do ut des tra gruppo Toto e Renzi? Non ho visto nulla di strano”

next