di Andrea Taffi

Massimo rispetto, vicinanza e considerazione per chi manifesta in modo pacifico e organizzato, partendo da una mobilitazione generata sulle piattaforme social. Massimo rispetto per chi fa tutto questo contro i populisti, i sovranisti e gli strumentalizzatori di professione, sia che questi si chiamino Matteo Salvini, sia che abbiano altri nomi, più o meno noti e potenti, nazionali e internazionali. Profondo rispetto, insomma, per il fenomeno contestatore dell’attuale momento politico, quello che con un’efficace metafora si è autodefinito col nome di “sardine“.

Gli appartenenti a questo nuovo movimento di popolo, per lo più giovani, sembra che – oltre alla contestazione all’ex ministro degli interni e vicepremier – abbiano in comune il fatto di provenire dal più grande non-partito d’Italia, capace, come tale, di influenzare i risultati elettorali e, per questo, da sempre corteggiato da tutte le forze politiche: gli astenuti. Per la prima volta (è questa, secondo me, la vera forza e novità delle “sardine”) un movimento spontaneo e non preorganizzato politicamente esprime in primis la forza e la voce degli astenuti. Degli astenuti, si badi bene, non dell’astensione.

Sì, perché tutti questi signori e signore venuti dai social con l’orgoglio di essere sardine non in scatola ma in piazza, se vogliono contribuire a cambiare veramente qualcosa in Italia, limitando o addirittura impedendo la prossima vittoria della Lega di Salvini e delle destre tutte, dovranno poi votare, uscire dall’isola dell’astensione e infoltire i voti di quei partiti (Pd e Movimento 5 stelle principalmente) chiamati a combattere dalla trincea governativa gli assalti confusionari ma (per molti, troppi elettori) attraenti e attrattivi.

Se così non fosse (io credo) il rischio sarebbe quello di subire la sorte di tutti quei movimenti spontanei, di piazza, non politicizzati e molto arrabbiati che abbiamo conosciuto in Italia in questi ultimi anni a partire dall’era berlusconiana. Bei movimenti, condivisibili e condivisi, persino commoventi che, però, paradossalmente, si sono infranti contro quella che era la loro originaria forza apolitica, una forza che dopo che nasce e cresce deve trovare alloggio in un ambito prettamente politico e di partito. E questo perché, secondo l’articolo 47 della Costituzione, per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale servono i partiti.

Protestare senza incanalare la forza della protesta in un alveo di un partito politico garantirà (forse) purezza e genuinità, ma non rappresentatività, impulso e forza di effettivo cambiamento. Io credo che non si debba avere disprezzo dei partiti, di quello che essi sono costituzionalmente chiamati a rappresentare. Non si deve pensare che i partiti siano, per definizione, portatori e incubatori di idee politiche distorte e non più condivisibili. Se la nostra Costituzione credeva nei partiti, anche noi (io penso) abbiamo il dovere di fare altrettanto.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anche la mia destra è un po’ sardina

prev
Articolo Successivo

Fondazione Open, Marattin: “Se ci sarà processo aspettiamo la Cassazione. Do ut des tra gruppo Toto e Renzi? Non ho visto nulla di strano”

next