I bambini e gli adolescenti di oggi sono i figli di un’Italia disuguale, di città quasi mai a misura di minori. La crisi economica degli ultimi anni, i tagli alla spesa sociale, la complessità delle relazioni familiari pesano sulle condizioni di crescita dei più piccoli e ne contraggono le prospettive, anche perché la mobilità sociale appare frenata. Sono alcuni dei dati che emergono dall’indagine condotta dall’Istituto Demopolis per l’impresa sociale Con i Bambini, società senza scopo di lucro nata per attuare i programmi del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

In vista della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, Con i Bambini nell’ambito del Fondo ha commissionato a Demopolis un’indagine sulle percezioni dell’opinione pubblica in tema di povertà educativa minorile, per verificare la consapevolezza dei cittadini e le sensibilità da far maturare. Oggi, nella percezione dei cittadini, è la disattenzione dei genitori (76%) la principale causa di povertà educativa dei minori. Due su tre citano le condizioni di disagio sociale (67%), di svantaggio economico (64%), di conflittualità familiare (62%). Il 59% segnala il degrado dei quartieri di residenza fra le cause della povertà educativa. Circa uno su due segnala la frequenza scolastica irregolare, gli stimoli inadeguati, le scarse occasioni culturali e del tempo libero, l’uso eccessivo dei social network.

Appena un quarto degli italiani cita il mancato accesso agli asili nido e ai servizi per l’infanzia. Nel vissuto degli italiani, intervistati dall’Istituto Demopolis, le città non sono a misura di minori per l’inadeguatezza dei servizi sociali (78%), del trasporto pubblico (71%), della qualità dell’aria (70%). Meno di un terzo promuove i servizi e le strutture per l’infanzia, con un dato che muta sensibilmente nelle differenti aree del Paese, e che nel Mezzogiorno scende al 21%. Sei su dieci ritengono non adeguati gli spazi verdi e le occasioni culturali e per il tempo libero.

Superano le 4 citazioni positive su 10 soltanto le strutture sportive e la scuola che però, da sola, non ce la fa: non può essere l’unico puntello extra-familiare di sostegno alla crescita di bambini e adolescenti. Le maggiori preoccupazioni avvertite dagli italiani, pensando ai minori, sono fenomeni per lo più adolescenziali: la dipendenza da smartphone e tablet (66%), bullismo o violenza (61%), la diffusione della droga (56%), l’aggressività nei comportamenti (52%).

Per il 71% degli italiani, rispetto a vent’anni fa, il sistema scolastico è peggiorato. I problemi della scuola sono un articolato di variabili economiche e politiche, ma anche umane e relazionali, fra studenti, docenti e genitori. Per la maggioranza assoluta si tratta di problemi connessi alla mancanza di fondi e alla progressiva riduzione di risorse (71%), ma anche di relazioni infruttuose con il mondo del lavoro (63%). Oltre 6 cittadini su 10 segnalano invece il bullismo e la condotta degli studenti, il progressivo impoverimento del linguaggio e delle competenze di base. La maggioranza cita inoltre le condizioni degli edifici e il rapporto, sempre più difficile, tra genitori e insegnanti. Preoccupante il fatto che solo metà dei ragazzi, negli ultimi 12 mesi, abbia partecipato a spettacoli, presso cinema o teatri. Il 58% dichiara che i figli, nell’ultimo anno, non hanno letto libri. Il 72% non ha potuto fruire del tempo pieno a scuola. Meno di un quinto, infine, ha frequentato l’asilo nido.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La scuola italiana è vittima di tagli, disastri e panzane: una malata cronica

next
Articolo Successivo

Scuola, il Consiglio di Stato per la prima volta riconosce l’abilitazione all’insegnamento ottenuta in Romania

next