Salvatore Borsellino, fratello del magistrato assassinato dalla mafia, ha presentato nell’ambito di Bookcity a Milano il libro “La Repubblica delle stragi” firmato dallo stesso Borsellino e con la prefazione di Marco Travaglio (edito da Paperfirst). Assieme al movimento delle Agende Rosse, l’attivista palermitano prova a mettere insieme i pezzi mancanti delle inchieste relative al periodo delle stragi mafiose, che hanno interessato l’italia fino a metà degli anni ’90. “Possiamo chiamare quella serie di attentati come stragi di Stato – dice a margine della presentazione – La prima sentenza del processo sulla Trattativa Stato-mafia è stata un punto di arrivo per me, ha certificato l’esistenza della trattativa, che ha accelerato il corso degli avvenimenti ed è stata uno dei motivi che portato alla morte di mio fratello. Con Paolo in vita quella trattativa non sarebbe mai andata avanti. Ora non vorrei che con gli altri gradi di giudizio venga sovvertito quello che per me è un punto di arrivo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Csm, il consigliere Ardita: “Io e Di Matteo avevamo paura del Consiglio superiore della magistratura. Non lo dimentichiamo”

prev
Articolo Successivo

Tangenti in Lombardia, Lara Comi in tribunale per l’interrogatorio di garanzia. Avvocato: “Dimostrerà con documenti che accuse sono inconsistenti”

next