Salvatore Borsellino, fratello del magistrato assassinato dalla mafia, ha presentato nell’ambito di Bookcity a Milano il libro “La Repubblica delle stragi” firmato dallo stesso Borsellino e con la prefazione di Marco Travaglio (edito da Paperfirst). Assieme al movimento delle Agende Rosse, l’attivista palermitano prova a mettere insieme i pezzi mancanti delle inchieste relative al periodo delle stragi mafiose, che hanno interessato l’italia fino a metà degli anni ’90. “Possiamo chiamare quella serie di attentati come stragi di Stato – dice a margine della presentazione – La prima sentenza del processo sulla Trattativa Stato-mafia è stata un punto di arrivo per me, ha certificato l’esistenza della trattativa, che ha accelerato il corso degli avvenimenti ed è stata uno dei motivi che portato alla morte di mio fratello. Con Paolo in vita quella trattativa non sarebbe mai andata avanti. Ora non vorrei che con gli altri gradi di giudizio venga sovvertito quello che per me è un punto di arrivo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Csm, il consigliere Ardita: “Io e Di Matteo avevamo paura del Consiglio superiore della magistratura. Non lo dimentichiamo”

next
Articolo Successivo

Tangenti in Lombardia, Lara Comi in tribunale per l’interrogatorio di garanzia. Avvocato: “Dimostrerà con documenti che accuse sono inconsistenti”

next