Subito dopo la sentenza visibilmente commosso un carabiniere ha fatto il baciamano a Ilaria Cucchi. “L’ho fatto perché finalmente dopo tutti questi anni è stata fatta giustizia“, dice il militare mentre accompagna i genitori di Stefano Cucchi, anche loro commossi, fuori dall’aula di Rebibbia dove si è celebrato il processo terminato con due condanne a 12 anni per omicidio preterintenzionale nei confronti di due carabinieri.

“Chi sbaglia paga e doppiamente se porti la divisa“, dice asciutto rivendicando i venti anni nell’Arma, esattamente metà della sua vita. Da oltre tre anni è in servizio a Piazzale Clodio e ha assistito spesso ai tanti processi sulla morte di Stefano. A Palazzo di Giustizia e a Rebibbia. Così ha conosciuto la famiglia Cucchi e il loro dolore. “Ho assistito ai dibattimenti, a tutti quelli qui a Rebibbia, porto la divisa da venti anni e da tre anni e mezzo sono in servizio all’aula bunker. Mi sento in colpa per l’Arma ed è stata una forma di scusa, quei carabinieri condannati hanno infangato duecento anni di storia”, dice tutto d’un fiato quasi volesse togliersi un peso. L’unica parola che scandisce è pero ‘scusa’, e lo fa sistemandosi gli occhiali, quasi a tradire un’emozione evidente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cassazione, Csm nomina successore di Fuzio: Giovanni Salvi nuovo procuratore generale

prev
Articolo Successivo

Cucchi, la sorella Ilaria: “Sapevamo che Stefano era stato ucciso, ora potrà riposare in pace”. La madre al legale Anselmo: “Ce l’abbiamo fatta”

next