Subito dopo la sentenza visibilmente commosso un carabiniere ha fatto il baciamano a Ilaria Cucchi. “L’ho fatto perché finalmente dopo tutti questi anni è stata fatta giustizia“, dice il militare mentre accompagna i genitori di Stefano Cucchi, anche loro commossi, fuori dall’aula di Rebibbia dove si è celebrato il processo terminato con due condanne a 12 anni per omicidio preterintenzionale nei confronti di due carabinieri.

“Chi sbaglia paga e doppiamente se porti la divisa“, dice asciutto rivendicando i venti anni nell’Arma, esattamente metà della sua vita. Da oltre tre anni è in servizio a Piazzale Clodio e ha assistito spesso ai tanti processi sulla morte di Stefano. A Palazzo di Giustizia e a Rebibbia. Così ha conosciuto la famiglia Cucchi e il loro dolore. “Ho assistito ai dibattimenti, a tutti quelli qui a Rebibbia, porto la divisa da venti anni e da tre anni e mezzo sono in servizio all’aula bunker. Mi sento in colpa per l’Arma ed è stata una forma di scusa, quei carabinieri condannati hanno infangato duecento anni di storia”, dice tutto d’un fiato quasi volesse togliersi un peso. L’unica parola che scandisce è pero ‘scusa’, e lo fa sistemandosi gli occhiali, quasi a tradire un’emozione evidente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cassazione, Csm nomina successore di Fuzio: Giovanni Salvi nuovo procuratore generale

next
Articolo Successivo

Cucchi, la sorella Ilaria: “Sapevamo che Stefano era stato ucciso, ora potrà riposare in pace”. La madre al legale Anselmo: “Ce l’abbiamo fatta”

next