A dieci anni dalla morte di Stefano Cucchi, nell’Aula bunker di Rebibbia a Roma, la Corte di Assise ha condannato i due carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, accusati di aver pestato il geometra con pugni e calci, a 12 anni per omicidio preterintenzionale. I giudici hanno assolto da questa accusa l’imputato diventato teste dell’accusa Francesco Tedesco, al quale sono stati inflitti due anni e sei mesi per falso. Il maresciallo Roberto Mandolini, il comandante della Stazione Appia dove fu portato Stefano, è stato condannato a 3 anni e 8 mesi. Assolto Vincenzo Nicolardi. Una sentenza attesa da anni dalla famiglia Cucchi, dai genitori Rita e Giovanni, alla sorella Ilaria, visibilmente commossi al momento della lettura della sentenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cucchi, la sorella Ilaria: “Sapevamo che Stefano era stato ucciso, ora potrà riposare in pace”. La madre al legale Anselmo: “Ce l’abbiamo fatta”

next
Articolo Successivo

Lecce, condannati pm Ruggiero e suo collega: avevano fatto pressioni su 3 testimoni a Trani

next