Assolti dalle accuse di associazione sovversiva e banda armata perché “il fatto non sussiste”. La seconda Corte di Assise di Napoli, presieduta da Alfonso Barbarano, non ha condiviso la linea dell’accusa rappresentata dal sostituto procuratore Catello Maresca nell’ambito del maxi processo nei confronti di 35 tra dirigenti e militanti di Casapound. Solo una la condanna a tre anni inflitta a Enrico Tarantino, per porto e detenzione in luogo pubblico di ordigni esplosivi, precisamente quattro bottiglie incendiarie. Prescritti invece i reati satellite che riguardavano gli scontri con gli antagonisti verificatisi tra il 2010 e il 2011.

Il pm Maresca chiuse con 35 richieste di condanna la requisitoria nei confronti dei militanti del movimento Casapound e di altre sigle come Blocco studentesco e H.M.O. Le pene più severe furono proposte per quattro imputati, ritenuti capi e organizzatori: 8 anni di reclusione furono chiesti per Enrico Tarantino, 6 anni ciascuno per Giuseppe Savuto ed Emmanuela Florino (figlia dell’ex senatore di An, Michele) e Andrea Coppola. Il sostituto procuratore chiese anche pene alternative rispetto all’ipotesi d’accusa secondaria di associazione per delinquere “semplice”. L’inchiesta partì in seguito a violenti scontri tra gruppi di estrema destra e antagonisti, a Napoli.

Per Maresca erano sussistenti le ipotesi di associazione sovversiva e banda armata perché il gruppo era ispirato da “un’ideologia che cerca lo scontro e si propone di affermare violentemente i propri ideali”. Su questi due reati, nella fase delle indagini, si sono registrate decisioni contrastanti: la tesi della Procura è stata accolta dal gip Francesco Cananzi, bocciata dal tribunale del Riesame e riconsiderata invece dalla Cassazione, che aveva ritenuto i fatti al centro dell’inchiesta espressione “di una strategia ideologicamente orientata alla sovversione del fondamento democratico del sistema“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tangenti Algeria, pg chiede condanna a 6 anni e 4 mesi per ex ad Eni Scaroni e per la società

prev
Articolo Successivo

Milano, la sfida dell’ergastolano in permesso che ha ferito l’anziano: “C’erano telecamere?”. Gip: “Rapina per gusto di saper delinquere”

next