Chef Rubio e Discovery si sono detti addio. Una decisione presa in comune accordo. Il personaggio tv, protagonista sul Nove di “Unti e bisunti” e “Camionisti in trattoria”, ha confermato la separazione sulla sua pagina Instagram spiegando le sue ragioni: “Non avevo più la serenità, le motivazioni e l’energia per continuare”. La rete televisiva, invece, ha scelto di non commentare.

Gabriele Rubini, alias Chef Rubio, ha poi precisato: “I motivi per cui ho deciso di interrompere ‘Camionisti in trattoria’ sono molteplici e non starò qui a motivarli, visto che di certe cose si parla, e si è già parlato, nelle apposite sedi. Di certo, posso dirvi che è stata l’unica cosa giusta da fare e per correttezza nei vostri confronti che sempre mi sostenete con fiducia, e nei confronti del percorso professionale e di vita che sto facendo”.

Il primo a parlarne su Twitter è stato il critico Dominique Antognoni che sulla sua pagina ha scritto: “Chef Rubio è stato amorevolmente accompagnato alla porta da Discovery Channel”. Le motivazioni dello chef sono arrivate poche ore dopo: “Continuare a girare per gli ascolti non è mai stata e mai sarà una mia peculiarità e farlo per inerzia mi avrebbe reso infelice e ancora più nervoso di quanto già non fossi alla fine della terza stagione. La cosa sarebbe ricaduta sia sul prodotto che sulla mia incredibile troupe. Loro meritano solo il massimo e io quel massimo non avrei più potuto garantirlo”. Dopo sei anni, dunque, ognuno per la sua strada: Rubio si trova all’estero e, secondo i primi rumor, si prenderà un anno sabbatico. Mentre la prossima settimana Discovery annuncerà il nome del nuovo protagonista di “Camionisti in trattoria”.

Infine Rubio conclude rivolgendosi ai “bifolchi e alle caciotte che scrivono di me: da 6 anni a questa parte mi hanno proposto le conduzioni di quasi tutti i programmi televisivi che conoscete e se non me c’avete visto e mai me ce vedrete è solo perché nel nome della coerenza so dire “No Grazie”. Queste scelte – assicura l’ex rugbista – mi hanno fatto rinunciare a una fracca de soldi (che sinceramente m’avrebbero fatto pure comodo) ma al contrario vostro me posso guarda ogni giorno allo specchio senza sputarmi in faccia, quindi quando parlate di me o vi informate meglio oppure tacete perché altrimenti fate solo delle ricchissime figure di merda. Ah, quando non mi vedrete più in tv, sarà solo perché l’avrò voluto io e non il vostro Dio“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Woody Allen e Amazon rinunciano alla causa da 68 milioni di dollari

next
Articolo Successivo

Domenica in, Christian De Sica scatenato: “Mio padre giocava d’azzardo, mi ha lasciato in situazione economica infelice”. Poi tocca il sedere a Mara Venier

next