La querelle tra Woody Allen e Amazon sembra risolta. I due contendenti hanno risolto la causa da 68 milioni di dollari intentata dal regista per violazione di contratto: l’azienda aveva annullato il contratto per le sue critiche al movimento #MeToo. E il nuovo film A rainy day in New York, tradotto in Un giorno di pioggia a New York, era stato bloccato per poi arrivare in sala questo autunno in Europa.

Gli avvocati del regista e Amazon hanno presentato un avviso congiunto per archiviare il caso venerdì sera in un tribunale di New York. I termini dell’accordo non sono stati resi noti. Ma il sito Deadline ha citato fonti vicine all’accordo affermando che “alla fine non ci sarebbero stati vincitori”. Allen aveva scelto le vie legali perché erano ben quattro i film che avrebbe dovuto girare. Allen ha detto che Amazon si era ritirato a causa delle accuse di vecchia data di aver molestato sua figlia adottiva Dylan Farrow quando aveva sette anni, accuse che Allen ha sempre respinto.

Protagonisti principali del primo e unico film prodotto da Amazon Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez, Jude Law, Diego Luna e Liev Schrieber. Chalamet e Gomez avevano fatto sapere di aver devoluto i loro salari ricavati dal film in beneficenza alle lotte legate al #MeToo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

William e Kate riappaiono in pubblico insieme a Harry e Meghan. E c’è anche la Regina

next
Articolo Successivo

Chef Rubio annuncia la separazione da Discovery e l’addio ai programmi del Nove “Unti e bisunti” e “Camionisti in trattoria”: “Non avevo più la serenità per continuare”

next