“Qui ci aggrediscono tutti i giorni, ma loro pensano a fare la parodia di X Factor”. È bufera fra i sindacati in Atac, la società dei trasporti di Roma, per una comunicazione interna diffusa dall’azienda che ha ideato uno spot che doveva risultare simpatico e che invece sta facendo arrabbiare in molto fra autisti, macchinisti e personale di stazione. Il video, di oltre 2 minuti, pubblicizza le audizioni che l’azienda terrà nella sede del 21 e 22 novembre in cerca, fra i suoi dipendenti, di animatori della festa di Natale. Nello spot si vedono persone in divisa suonare, cantare o esibirsi in giochi di prestigio, a caccia di un posto al “grande evento Atac di Natale”, accompagnato da un’esplosione di cotillon. “È la cosa più trash che abbia mai visto – afferma Claudio De Francesco, segretario Faisa Sicel – Ogni giorno persone esasperate dal servizio ci insultano e ci aggrediscono. Si fermano le scale mobili, gli autobus arrivano con il contagocce e invece di ideare uno spot per migliorare l’immagine aziendale, producono questa cosa”. Dall’Atac minimizzano: “Tutte le società del mondo organizzano feste aziendali a Natale, era una comunicazione interna, non capiamo dove sia il problema”. Ma sui social il video sta già diventando virale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vigili del fuoco morti ad Alessandria, confessa il proprietario della cascina esplosa: l’incendio per ottenere i soldi dall’assicurazione

prev
Articolo Successivo

Centocelle, a fuoco un altro locale: aveva espresso solidarietà alla Pecora elettrica

next