“Qui ci aggrediscono tutti i giorni, ma loro pensano a fare la parodia di X Factor”. È bufera fra i sindacati in Atac, la società dei trasporti di Roma, per una comunicazione interna diffusa dall’azienda che ha ideato uno spot che doveva risultare simpatico e che invece sta facendo arrabbiare in molto fra autisti, macchinisti e personale di stazione. Il video, di oltre 2 minuti, pubblicizza le audizioni che l’azienda terrà nella sede del 21 e 22 novembre in cerca, fra i suoi dipendenti, di animatori della festa di Natale. Nello spot si vedono persone in divisa suonare, cantare o esibirsi in giochi di prestigio, a caccia di un posto al “grande evento Atac di Natale”, accompagnato da un’esplosione di cotillon. “È la cosa più trash che abbia mai visto – afferma Claudio De Francesco, segretario Faisa Sicel – Ogni giorno persone esasperate dal servizio ci insultano e ci aggrediscono. Si fermano le scale mobili, gli autobus arrivano con il contagocce e invece di ideare uno spot per migliorare l’immagine aziendale, producono questa cosa”. Dall’Atac minimizzano: “Tutte le società del mondo organizzano feste aziendali a Natale, era una comunicazione interna, non capiamo dove sia il problema”. Ma sui social il video sta già diventando virale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vigili del fuoco morti ad Alessandria, confessa il proprietario della cascina esplosa: l’incendio per ottenere i soldi dall’assicurazione

next
Articolo Successivo

Centocelle, a fuoco un altro locale: aveva espresso solidarietà alla Pecora elettrica

next