La Pecora Elettrica, libreria-bistrot antifascista nel quartiere romano di Centocelle, avrebbe dovuto riaprire domani dopo l’attentato incendiario subito tra il 24 e 25 aprile scorso. Ma qualcuno evidentemente non vuole che ciò avvenga: questa notte il locale è stato di nuovo dato alle fiamme. È sconvolto Danilo Ruggeri, uno dei proprietari del locale, che si sente abbandonato dalle istituzioni. Non dai residenti e dagli avventori del locale che dopo l’attentato di sei mesi fa si sono impegnati per la riapertura. “È un attacco da parte di chi vuole questa strada buia”, denuncia un cliente del locale. “È il terzo attentato incendiario avvenuto su questa strada”, sottolinea un residente. C’è preoccupazione nel quartiere per quella che sembra una guerra alla legalità. “Siamo in contatto con polizia e i carabinieri – dichiara Giovanni Boccuzzi, presidente del Municipio V di Roma Capitale – per accertare questi fatti dolosi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treni, mattinata di disagi. Incendio in zona Tiburtina, a Roma. Fulmine su convoglio nel lodigiano. Nessun ferito

next
Articolo Successivo

Napoli, 21 indagati per contrabbando sigarette: 10 di loro prendevano il reddito di cittadinanza

next