Nella notte tra il 24 e il 25 aprile un incendio, provocato da ordigni artigianali, ha danneggiato gravemente la libreria-bistrò La Pecora Elettrica, attiva da 2 anni con iniziative culturali e di formazione nel quartiere romano di Centocelle. Ancora ignota la matrice dell’attacco, l’unica certezza è il dolo. “Sono entrati, ci hanno rubato il computer e hanno cosparso di benzina una sedia – spiega Danilo Ruggeri, co-proprietario della liberia – ci dev’essere stata una specie di esplosione perché la serranda l’abbiamo trovata bombata dall’interno”. Secondo quanto racconta Ruggeri c’erano almeno tre punti in cui il fuoco potrebbe essere stato appiccato e un quarto, la sedia cosparsa di benzina, che non ha preso fuoco. L’incendio avvenuto alla vigilia della festa della Liberazione fa pensare a una matrice politica, ma le indagini sono in corso e non c’è niente di certo. “Non abbiamo mai avuto la sensazione di essere sotto attacco. Siamo preoccupati ma anche rinfrancati dall’ondata di solidarietà che ci è arrivata”.

Sul sito di crowdfunding “Produzioni dal basso” è stato aperta una raccolta fondi per riaprire la libreria. In meno di 24 ore sono stati raccolti oltre 11 mila euro. “Incredibile” ammette sinceramente sorpreso Ruggeri. “Nei prossimi giorni – aggiunge Alessandra Artusi, l’altra co-proprietaria – cercheremo di portare gli eventi che avevamo in programma nei locali che si sono offerti di ospitarci”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Matera, vietato lanciare coriandoli sugli sposi: “Deturpano il decoro urbano”

prev
Articolo Successivo

Roma, 16enne lasciato al pronto soccorso: “Ferito da 50enne durante una rapina”

next