Alcuni ragazzi hanno sfilato per le vie di Lucca, dove è in corso fino al 3 novembre il Lucca comics & games (uno dei più importanti appuntamenti europei per gli appassionati di fumetti e videogiochi) travestiti da soldati dell’esercito nazista. Il gruppo ha curato i costumi in tutti i dettagli e si è presentato con tanto di finto carro armato, fascia con la svastica al braccio e bandiere con le croci celtiche in mano. L’esibizione però non è piaciuta a tutti e ha scatenato una animata discussione tra i presenti. Un visitatore, in particolare, si è rivolto al gruppetto (impegnato a soddisfare le richieste di selfie e foto di altri partecipanti al festival). “Vergognatevi – ha detto loro – il nazismo non è un gioco. Questa è apologia del nazismo, che è vietata”. La scena, ripresa in un video, è stata diffusa dal gruppo social Welcome to Favelas e in poche ore ha fatto il giro del web.

Il Comune di Lucca e Lucca Crea, che organizza il festival, hanno diffuso un comunicato congiunto in cui “prendono le distanze e condannano il comportamento dei due ragazzi”. Comportamento definito “offensivo non solo per il festival e tutto il suo pubblico, ma soprattutto per la memoria storica del nostro territorio”. L’accaduto – specificano ancora, “non ha nulla a che vedere con il festival, né con le community cosplay, né con alcuna rievocazione storica. Nessun evento della manifestazione, nessun partner, nessuna attività collaterale è coinvolta in questo gesto dei due ragazzi”. Intanto la Questura di Lucca ha avviato un’indagine e sta valutando se i due ragazzi abbiano commesso un reato.

video di Welcome to Favelas

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Novara, uccide il fratello a colpi di pistola e poi scappa: dopo qualche ora di fuga si costituisce in caserma

next
Articolo Successivo

Alberto Sed morto a 91 anni, era sopravvissuto ad Auschwitz-Birkenau. “Ha saputo raccontare l’inferno e renderci persone migliori”

next