“L’ergastolo è l’unica pena detentiva a spaventare i capi della mafia”. Nino Di Matteo, il magistrato membro del Consiglio superiore della magistratura ed ex pm del processo Stato-mafia, intervistato su Rai3 da Lucia Annunziata, ha ribadito la sua preoccupazione per il “varco” che si è aperto dopo le sentenze della Cedu e della Consulta contro l’ergastolo ostativo. “Auspico che il legislatore metta dei paletti”, ha detto, “e stabilisca che tipo di prova ci vuole per far accedere gli ergastolani ai permessi” perché “non può bastare la buona condotta carceraria”. Inoltre ha proposto un tribunale di sorveglianza nazionale che si occupi solo di questo “per evitare che i giudici sul territorio siano sottoposti a minacce e pressioni”. (FIRMA LA PETIZIONE DEL FATTO – NO A PERMESSI PREMIO AI BOSS STRAGISTI CHE NON COLLABORANO)

Il magistrato, che già aveva preso posizione dopo le storiche sentenze che hanno dato un duro colpo alla lotta antimafia in Italia, è partito da tre premesse per argomentare il suo discorso. Intanto ha appunto dichiarato che “l’ergastolo è l’unica vera pena detentiva a spaventare i capi della mafia”: “Ricordo sempre che Riina diceva ai suoi più stretti collaboratori: ‘Noi quindici anni di galera possiamo farli anche legati a una branda, ma dobbiamo batterci a tutti i costi contro l’ergastolo'”. La seconda considerazione invece è nata dal fatto che proprio “il tentativo di far attenuare l’ergastolo spinse Cosa Nostra a ricattare a suon di bombe lo Stato. Sono state commesse delle stragi proprio per quel risultato”, ha detto. E, come terzo punto, Di Matteo ha ricordato: “Fino a poco tempo fa dei capi mafia avevano iniziato a collaborare con la giustizia e poi non lo hanno fatto perché si attendevano l’apertura di un varco che evitasse l’ergastolo a vita”. Quindi ha concluso: “Massimo rispetto per la sentenza della Corte costituzionale che muove dall’esigenza di equiparare diritti costituzionalmente garantiti. Detto questo, io credo che sulla scia della sentenza dovremmo cercare di evitare che questo varco diventi molto più largo e che tutti i benefici possano essere concessi indiscriminatamente”. Perché, è la sua tesi, “abbiamo delle mafie che hanno raggiunto una potenza che non hanno raggiunto in altre parti. E abbiamo una mafia che ha avuto rapporti di collusione con esponenti della politica. La nostra è una situazione eccezionale che la Cedu non ha colto nelle sue sfaccettature”.

Quindi Di Matteo, pm del processo sulla trattativa Stato-mafia, è tornato sull’intervista di maggio scorso a La7 che gli è costata il posto nel pool antimafia sulle “entità esterne”: “Io la rifarei”, ha detto. “Ho solo messo in fila i fatti”. E ha ribadito che secondo lui c’è una pista che riguarda le stragi su cui bisogna investigare ancora: “Deve essere approfondita la possibilità che ci sia la responsabilità di ambienti e persone che non sono mafiosi. Io ho messo in fila una serie di cose note sollecitando una riflessione. Il Paese deve avere la volontà di approfondire. Perché sulle stragi si sa molto, ma non si sa tutto. Questo Paese sconta un deficit di conoscenza e memoria su certi fatti“. Ed è entrato nel merito: “Voglio riferirmi solo a sentenze definitive: alla sentenza che ha condannato il senatore Dell’Utri per associazione mafiosa. In quella sentenza viene sancito un fatto”. Ovvero si dice che “venne stipulato un patto tra le famiglie mafiose con Silvio Berlusconi. Dell’Utri è stato condannato come intermediario di quel fatto almeno fino al 1992. C’è una sentenza di primo grado che dice che l’intermediario lo ha fatto anche nel 1994″. E proprio “questo elemento”, ha detto ancora Di Matteo, “viene continuamente ignorato. Io mi riferisco alla gran parte dell’opinione pubblica e anche a una parte della politica. Quando si parla di ‘accuse senza straccio di prova’, c’è una base di sentenze che viene dimenticata”. Il riferimento qui, anche se non esplicito è a Matteo Renzi che, a fine settembre, ha criticato i magistrati per aver indagato Silvio Berlusconi per le stragi di mafia e l’attentato a Maurizio Costanzo. “Le indagini sono doverose. A me stupisce lo stupore. E’ un po’ calata l’attenzione sulla necessità di approfondire tutte le piste investigative secondo le quali insieme a Cosa Nostra altri abbiano responsabilità. Quelle del 1993 sono stragi anomale, che non sono state fatte per mera vendetta. La storia di Cosa nostra ci insegna che loro hanno cambiato strategia a seconda dei momenti. Sono sempre pronti a riorganizzarsi”.

Di Matteo, rispondendo alle domande di Lucia Annunziata, ha anche parlato dello scandalo che ha travolto il Csm nei mesi scorsi. “I fatti”, ha esordito, “che sono emersi dall’inchiesta perugina ci devono indignare, ma non ci devono sorprendere. E soprattutto non ci devono piegare. Non dobbiamo rassegnarci a un’idea di magistratura malata”. Purtroppo, è stata la sua considerazione, “nell’ultimo periodo si era fatto spazio a un collateralismo politico. Ovvero si era fatto troppo ricorso al criterio dell’appartenenza a una corrente o una cordata. E’ un criterio inaccettabile: aggira la meritocrazia, ma anche l’autonomia e l’indipendenza della magistratura”. Anche per questo motivo Di Matteo ha deciso di candidarsi al Csm: “Io non ho lo avevo mai preso in considerazione prima, ma proprio nel momento di peggiore difficoltà è arrivata in me la volontà di dare una mano. Io sono certo che sotto la guida del presidente Mattarella il Csm saprà emendarsi delle colpe passate. Perché sono convinto di una cosa: o cambiamo noi, o ci cambiano altri. Magari a colpi di riforme con lo scopo di normalizzare la magistratura. L’autonomia e l’indipendenza della magistratura non è un privilegio, ma una garanzia di libertà dei cittadini, soprattutto dei più deboli”.

Infine il magistrato ha anche commentato la riforma della prescrizione che entrerà in vigore a partire da gennaio prossimo: “Io ho un parere favorevole”. Mentre, ha aggiunto, sulle “disciplina delle intercettazioni, “penso che vada bene così com’è, non avverto una necessità di riforma”. Positivo il suo giudizio anche sul “carcere agli evasori”: “Un inasprimento delle pene è positivo, soprattutto nei casi in cui l’evasione alimenta la corruzione e soprattutto quando a beneficiare e a sfruttare l’evasione fiscale sono le mafie”. E allo stesso tempo si è detto contrario alla liberalizzazione delle droghe leggere: “Le mafie sanno cambiare le loro strategie come il serpente cambia la pelle. Liberalizzare le droghe leggere colpirebbe il crimine organizzato solo momentaneamente, perché poi indirizzerebbe le sue strategie su altro. Sono contrario alla liberalizzazione delle droghe leggere, sono contrario a uno Stato che si arrende e che faciliterebbe con la liberalizzazione una maggiore diffusione delle droghe”.

L’ultima domanda è stata sulla sua vicinanza al Movimento 5 stelle. “Io nella mia carriera e nelle mie esternazioni sono stato sempre indipendente né organico né collaterale rispetto a nessuno”, ha chiuso. “Se non erro i 5 stelle sono al governo dal 2018 e a me non è stato attribuito nessun incarico, quindi le voci di cui si è sempre parlato sono smentite dalla realtà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oliviero Toscani denunciato, definì Salvini “fascista”. ll pm chiede archiviazione: “Diritto di critica politica”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi e la mafia, per Forza Italia è vietato citare le sentenze in tv. Tutti contro Di Matteo che parla di Dell’Utri e i boss: “Mitomane”

next