Uno sciopero bianco di un’intera classe di quarta elementare. L’11 ottobre i genitori hanno tenuto a casa i lori figli, alunni di un istituto di Cornegliano Laudense (Lodi). Una protesta, come aveva scritto Il Giorno, contro la gestione di una situazione molto delicata: una bimba disabile psichica che sarebbe stata aggressiva nei confronti dei compagni. La mamma della piccola – come riporta La Stampa – è preoccupata, come del resto i genitori degli alunni soprattutto dopo il lancio di una brocca di vetro che ha centrato un’alunna.

Per evitare situazioni di pericolo una maestra, racconta un papà, avrebbe deciso di scegliere una parola d’ordine. Nel momento in cui la maestra pronuncia la parola i bambini devono uscire fuori. La sera del 29 ottobre, il giorno dell’assemblea per discutere coi genitori della situazione, il corpo docente ha accolto mamme e papà come degli striscioni in cui si invitava all’inclusione e ad abbassare i toni. La scuola ha deciso che ci saranno alcuni incontri dei bambini con uno psicologo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il presepe a scuola lo paga Regione Lombardia. Era meglio spendere quei soldi in fotocopie

prev
Articolo Successivo

Università, basta col baronato e la sottomissione all’economia. Serve rilanciarla con urgenza

next