Uno sciopero bianco di un’intera classe di quarta elementare. L’11 ottobre i genitori hanno tenuto a casa i lori figli, alunni di un istituto di Cornegliano Laudense (Lodi). Una protesta, come aveva scritto Il Giorno, contro la gestione di una situazione molto delicata: una bimba disabile psichica che sarebbe stata aggressiva nei confronti dei compagni. La mamma della piccola – come riporta La Stampa – è preoccupata, come del resto i genitori degli alunni soprattutto dopo il lancio di una brocca di vetro che ha centrato un’alunna.

Per evitare situazioni di pericolo una maestra, racconta un papà, avrebbe deciso di scegliere una parola d’ordine. Nel momento in cui la maestra pronuncia la parola i bambini devono uscire fuori. La sera del 29 ottobre, il giorno dell’assemblea per discutere coi genitori della situazione, il corpo docente ha accolto mamme e papà come degli striscioni in cui si invitava all’inclusione e ad abbassare i toni. La scuola ha deciso che ci saranno alcuni incontri dei bambini con uno psicologo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il presepe a scuola lo paga Regione Lombardia. Era meglio spendere quei soldi in fotocopie

next
Articolo Successivo

Università, basta col baronato e la sottomissione all’economia. Serve rilanciarla con urgenza

next