“La manovra è sostanzialmente chiusa. Ci soddisfa, la miglioreremo in Parlamento, è un buon punto di partenza”. A rivendicarlo Luigi Di Maio, di fronte a Palazzo Chigi, al termine del vertice sulla futura legge di Bilancio. Una riunione sospesa e poi terminata dopo diverse ore. Di Maio ha avvertito agli alleati sull’iter parlamentare, dopo che Italia Viva di Matteo Renzi aveva confermato la volontà di ripresentare gli emendamenti annunciati, compreso quello su quota 100, con il rischio di una battaglia in Parlamento, emendamento per emendamento. “Se tutta la maggioranza sarà leale a lavorare in Parlamento come squadra, non ci saranno problemi. Lo dico chiaramente: io non mi aspetto problemi e tensioni. Non bisogna fare operazioni per mettere in difficoltà il governo. Quota 100? Da renziani sarà un emendamento bandiera“, ha detto Di Maio.
Un compromesso è stato raggiunto su Radio Radicale. Dopo che Di Maio aveva polemizzato per i fondi in manovra, alla fine ci saranno fondi fino al 30 aprile, poi una gara: “Il 20 aprile ci sarà una gara (per la trasmissione delle sedute parlamentari, ndr), la mangiatoia è finita”, ha rivendicato il capo politico pentastellato. Mentre dal Pd è stato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega all’editoria, Andrea Martella a chiarire: “Radio radicale proseguirà il servizio fino all’espletamento della gara, è confermato lo stanziamento di otto milioni annui”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Antisemitismo e odio razziale, tutti in piedi in Aula ad applaudire Liliana Segre ma i senatori di Lega, FdI e FI restano seduti

next
Articolo Successivo

Vitalizi, in Trentino-Alto Adige i consiglieri di Svp presentano 37 pagine di emendamenti: e il taglio degli assegni slitta ancora

next