Detrazioni fiscali solo per chi paga con strumenti tracciabili. Anzi no: questa novità spuntata nell’ultima bozza della legge di Bilancio è saltata nel giro di poche ore. Durante il vertice che si è tenuto a Palazzo Chigi mercoledì pomeriggio la maggioranza ha deciso la marcia indietro: le spese sostenute per medicine e dispositivi medici continueranno ad essere detraibili al 19% anche per chi paga in contanti. Per le altre detrazioni al 19% – per esempio su visite specialistiche, analisi e fisioterapia, spese scolastiche o attività sportive dei bambini o interessi sui mutui – sarà necessario certificare l’uscita con pagamenti tracciabili. Confermate invece le indiscrezioni sul limite di reddito di 120mila euro oltre il quale gli sconti fiscali si ridurranno, fino ad azzerarsi oltre i 240mila euro. Sono escluse le detrazioni per gli interessi passivi sui prestiti, mentre si sta ancora valutando se escludere anche le spese sanitarie per le patologie gravi. Per le famiglie vengono poi prorogati gli attuali bonus bebè e i voucher nido, con criteri più generosi rispetto a quelli attuali. E per i fumatori arriva la tassa su cartine e filtri. Ecco le altre misure previste dalle bozze.

Manovra: stop a detrazioni oltre 240mila euro di reddito, unificazione di Imu e Tasi, sugar tax di 10 euro per ettolitro. Le novità

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, cosa cambia per le famiglie nel 2020: non c’è la ‘carta bimbi’, il bonus bebè è per tutti e aumenta il voucher nido per i redditi bassi

prev
Articolo Successivo

Fca-Psa, via libera alla fusione alla pari tra i due gruppi: “Saremo leader della mobilità sostenibile, senza chiusure di stabilimenti”

next