“Chiediamo il rispetto degli accordi ambientali e sindacali presi con l’azienda. Per quanto riguarda lo scudo, non vedo margini per una norma ad hoc”. A dirlo è il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli al termine di un incontro con i sindacati sull’ex Ilva. Il ministro ha annunciato che sarà convocato nella seconda settimana di novembre un nuovo tavolo con tutte le parti in causa e che il governo promuoverà una norma che intervenga sulle numerose crisi aziendali in atto nel Paese.

“Siamo insoddisfatti per quanto riguarda la soppressione delle tutele legali perché non c’è stata una reale presa in carico da parte dell’esecutivo nel risolvere la questione, e poter dare rassicurazioni ai lavoratori su cosa accadrà dopo il 3 novembre” ha commentato il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, al termine dell’incontro al Ministero. “L’accordo di settembre 2018 non si tocca, non esistono piani alternativi, non esistono cordate pronte a rilevare gli stabilimenti ex Ilva e, al momento, non ci sono richieste di esuberi da parte dell’azienda” ha aggiunto. Mentre la Fiom ha ribadito come l’azienda debba essere chiamata “al rispetto dell’accordo in tutti gli aspetti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Assunti attraverso un’app? La vita è oramai un videogame

prev
Articolo Successivo

Lavoro, come trovarne uno nuovo tramite LinkedIn (senza perdere quello attuale)

next