Bloccati ponti e strade, incendiati i cassettoni di immondizia e copertoni di auto: in migliaia sono tornati in piazza a Beirut e in altre città del Paese dopo l’annuncio di nuove tasse decise dal governo. Gli scontri fra manifestanti e polizia hanno provocato due morti e oltre 60 feriti.

Lo riferisce l’agenzia libanese Nna, precisando che i due morti sono di nazionalità siriana e che sono rimasti soffocati in un incendio scoppiato all’interno di un negozio nel centro della capitale durante i disordini. I manifestanti sono scesi in strada scandendo lo slogan delle proteste arabe: “Il popolo vuole la caduta del regime”. Il governo ha reagito revocando la tassa sull’uso di Whatsapp e di altri mezzi di comunicazione via Internet, ma non è bastato: le contestazioni sono proseguite per tutta la notte.

Solo all’alba le forze di sicurezza sono riuscite a disperdere i manifestanti nel centro di Beirut e a riaprire quasi tutte le vie, tra cui quella che collega la città all’aeroporto internazionale. Questa mattina, università, banche, sedi istituzionali e governative del paese sono rimaste chiuse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, intesa Usa-Turchia per cessate il fuoco. Pence: “Tregua di 120 ore per ritiro dei curdi”. Guerra finita solo se Erdogan avrà ‘safe zone’

next
Articolo Successivo

Siria, l’annuncio del vice presidente Usa Pence: “C’è accordo con Turchia per il cessate il fuoco”

next