“Ars et Ingenium. Similitudine e Invenzione. Celebrando Leonardo da Vinci”. È il tema della dodicesima edizione di Florence Biennale, la mostra internazionale di arte contemporanea e design, una delle più importanti d’Italia, che fino al 27 ottobre al padiglione Spadolini della Fortezza da Basso di Firenze, accoglierà 747 espositori provenienti da 78 Paesi. Il paese più rappresentato in entrambe le sezioni è sempre l’Italia con 66 partecipanti, seguito dalla Cina con 63. Anche in questa edizione c’è un paese esordiente ed è asiatico: il Bhutan.

Nell’anno in cui si sono celebrati i 500 anni dalla morte del genio di Vinci, per volontà della curatrice Melanie Zefferino, la mostra propone una riflessione sull’approccio conoscitivo e al tempo stesso creativo di Leonardo con un’intera giornata di studi, in calendario per il 25 ottobre.

Grande novità di quest’anno è l’esordio di un padiglione dedicato al design, curato da Gabriele Goretti. Il padiglione, dove si possono ammirare le opere di 263 designer, è caratterizzato da due macro-aree: la prima vede la presenza di aziende e fondazioni che rappresentano punti di riferimento nel settore del product design, fashion design e comunicazione, mentre la seconda propone una ricca selezione di giovani designer che caratterizzano la scena nazionale e internazionale.

Per tutte le informazioni consultare il link www.florencebiennale.org/convenzioni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

C’è chi tenta sfruttare il brand Napoli, basta!

prev
Articolo Successivo

Louvre, la Senna non è più un pericolo: a Liévin ecco il Centro di conservazione. Maxi-trasloco di 250mila opere per salvarle dalle alluvioni

next