Ha vissuto una vita straordinaria come straordinario è stato il suo talento“. Con queste parole la famiglia ha voluto annunciare su Facebook la morte di Carlo Croccolo, attore celebre per esser stato la “spalla” di Totò in moltissimi film, da “47 morto che parla” a “Miseria e Nobiltà” e “Totò lascia o raddoppia?” e “Signori si nasce”. Aveva 92 anni e si è spento “questa mattina, alle prime luci dell’alba”. I funerali, informano i parenti, “si terranno domani, domenica 13 ottobre, alle 16 presso la Chiesa San Ferdinando a piazza Trieste e Trento”.

Nella sua lunghissima carriera – all’attivo ha oltre 100 film – Croccolo è stato attore, doppiatore, regista e sceneggiatore e ha lavorato al fianco dei più grandi comici italiani a cavallo degli anni ’50 e ’60, da Totò a Eduardo e Peppino De Filippo in “Ragazze da marito” e “Non è vero…ma ci credo”. Celebre anche la sua partecipazione al film con Vittorio De SicaIeri, oggi, domani”. Oltre ad avergli fatto da spalla in tanti sketch comici, a Totò Croccolo prestò anche la voce negli ultimi film della sua carriera, quando il Principe della Risata era quasi cieco ed è stato sempre lui a doppiare negli anni ’50 e ’60 entrambi i personaggi di Stanlio e Ollio. Nel 1989 vinse un Davide di Donatello per la sua interpretazione di “O Re”, film storico di Luigi Magni. Più recentemente, è stato amatissimo dal pubblico per il ruolo di Eros Cecconi, il “padre della sposa” nel film Tre uomini e una gamba, di Aldo, Giovanni e Giacomo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Morto Robert Forster, addio all’Ed Galbraith di Breaking Bad e El Camino. Candidato all’Oscar con un film di Tarantino

next
Articolo Successivo

“El Camino”, ecco perché vedere il film sequel di Breaking Bad (anche se non avete seguito la serie)

next