Nella scuola del futuro l’aria è depurata da alberi e piante all’esterno e all’interno dell’edificio. Ogni superficie, orizzontale o verticale, è coperta di piante. Gli studenti, ai primi anni della loro formazione, imparano a convivere con le piante e a trarre dalla loro compagnia tutti i benefici possibili; non solo ambientali, ma anche fisici e psichici.

Non è una fantasia, ma può trasformarsi in realtà grazie al progetto di GoFundMe Italia e il professore Stefano Mancuso, scienziato di fama internazionale e direttore del Linv (International Laboratory for Plant Neurobiology).

La riforestazione urbana è uno dei possibili strumenti per contrastare la crisi climatica. È chiaro che siano necessarie azioni volte alla riduzione delle attuali emissioni e una transizione verso le energie rinnovabili, ma nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa: coprire di alberi e piante le nostre città è un’azione semplice, dall’enorme potenziale e con un ritorno immediato.

Una scuola di Firenze potrebbe diventare il modello su cui trasformare tutte le altre scuole del mondo. Saranno realizzati numerosi interventi: una fabbrica dell’aria per la purificazione dell’aria interna, un bosco nel cortile della scuola per la purificazione e la climatizzazione dell’area, un orto didattico, dei tetti verdi fruibili e pareti verticali a bassa manutenzione.

Per realizzare questo progetto, dal nome “Ci vuole un albero!”, è nato un crowdfunding: l’obiettivo finale di 200mila euro è stato calcolato in base al costo per alunno, circa 350 euro, e la scuola verrà scelta in base alle dimensioni che si riusciranno a coprire con i fondi raccolti.

Il progetto non si ferma qui. GoFundMe lancia con la campagna un appello a tutti gli studenti, i genitori e gli insegnanti d’Italia per trasformare gli edifici scolastici in scuole verdi. Per questo tutti potranno lanciare una campagna di raccolta fondi su www.gofundme.com per realizzare tantissime scuole verdi a partire dal proprio quotidiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vajont, 56 anni dalla tragedia. Una profezia sul destino del progresso sfrenato

prev
Articolo Successivo

Allevamenti bovini, la fine si avvicina. E non sarà il solo grande cambiamento per gli animali

next