Il filmato in arrivo dal carcere di Anaco, in Venezuela, sono agghiaccianti. L’episodio risale allo scorso venerdì 27 settembre e sono state diffuse nei giorni seguenti, prima sui media sudamericani, poi in tutto il mondo. Un’ottantina di detenuti sono stati fatti sdraiare nudi nel cortile del carcere. Mentre giacevano a faccia in giù le guardie li hanno usati come arena umana per un combattimento di galli. Tutto filmato da una giornalista e diffuso in rete. I prigionieri, che nel mentre sono stati anche ripetutamente colpiti con un bastone, sono stati molestati per due ore e tenuti senza cibo per 24 ore. La colpa dei detenuti sarebbe quella di aver organizzato uno sciopero contro la mancanza di cibo, acqua e medicinali.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Portogallo, il premier socialista Costa in testa al 38%. Incentivi all’immigrazione e lotta alla disoccupazione le carte vincenti

next
Articolo Successivo

Anwar Haddouchi, faccia a faccia in un carcere siriano col “Boia di Raqqa” sospettato di oltre 100 decapitazioni e di aver finanziato gli attentati di Parigi e Bruxelles: “Voglio avere una vita normale in Belgio”

next