Riuscivano a farsi accogliere in casa dalle loro vittime presentandosi come tecnici della società bresciana G.A.S srl per vendere dei semplici rilevatori di fumo, di bassa qualità e dal un prezzo decisamente sproporzionato rispetto al loro valore, spacciandoli come rilevatori di fughe di gas. È la maxi truffa smascherata a Milano da Polizia, Carabinieri e dalla Polizia locale – coordinati dal pool antitruffe della Procura di Milano – che hanno eseguito cinque misure cautelari, tra obblighi di dimora e divieto di allontanamento notturno, nei confronti di altrettante persone residenti nel Bresciano con età compresa tra i 22 e i 38 anni. L’accusa per tutti è di truffa aggravata.

Dall’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Eugenio Fusco e dal sostituto procuratore Enrico Pavone, è emerso che sono almeno 48 i raggiri ideati e messi a segno dai finti tecnici del gas, quasi tutti a danno di ultrasettantenni milanesi, tra il 9 novembre 2018 e il 6 febbraio 2019. In totale le truffe sarebbero però molte di più, stando a quanto è stato spiegato durante la conferenza stampa dal procuratore Fusco: dalle indagini bancarie, ha chiarito l’aggiunto, è emerso un incasso di 110mila euro, somma ottenuta dalla vendita di più di 48 rivelatori di fumo.

Fusco ha poi precisato che le truffe sono state messe a segno con “metodi molto pericolosi“: i finti tecnici non solo affiggevano nei condomini, per lo più popolari, gli avvisi delle loro successive visite, ma si presentavano a casa degli anziani con speciali giubbotti, simili a quelli dei veri tecnici del gas. Come risultato dai sequestri, inoltre, avevano timbri e una modulistica per firmare i contratti. Oltre a un’agenda fitta di appuntamenti e il “vademecum del perfetto venditore”.

Le indagini erano state avviate grazie la segnalazione di una vittima che ha permesso alle forze dell’ordine di sequestrare “una serie di volantini e altro materiale di notevole interesse investigativo”. Molte delle persone raggirate hanno dichiarato che “i tecnici li avevano indotti all’acquisto convincendoli che i rilevatori di fumo sono dispositivi previsti obbligatoriamente dalla legge e indispensabili a evitare fughe di gas”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manuel Bortuzzo, chiesta condanna a 20 anni per i due aggressori del giovane nuotatore. Legale chiede risarcimento da 10 milioni

next
Articolo Successivo

Csm, Giangiacomo rinuncia a subentrare a Criscuoli: nuove elezioni suppletive

next