“Quando vi chiamerà la prefettura per chiedervi quanti ne prendete (richiedenti asilo nda) da voi mi aspetterò un rispettoso no”. È questo l’appello che il leader della Lega Matteo Salvini rivolge ai suoi amministratori che si sono riuniti oggi a Milano. “La redistribuzione a parole è stata solo a parole dunque è la resa, evidentemente tra le promesse di Conte all’Europa c’era quella che l’Italia ritornasse un campo profughi”.

Un appello subito raccolto da tanti dei 500 tra sindaci e governatori che hanno applaudito l’intervento del loro leader: “Siamo disponibili a ragionare su qualsiasi ipotesi dalle nuove tecnologie a barrieramenti” dichiara il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga mentre accanto a lui la sindaca di San Germano Vercellese che in passato ha fatto un’ordinanza anti-migranti nel suo comune si dice pronta a “replicarla perché noi siamo contro gli immigrati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista