“Quando vi chiamerà la prefettura per chiedervi quanti ne prendete (richiedenti asilo nda) da voi mi aspetterò un rispettoso no”. È questo l’appello che il leader della Lega Matteo Salvini rivolge ai suoi amministratori che si sono riuniti oggi a Milano. “La redistribuzione a parole è stata solo a parole dunque è la resa, evidentemente tra le promesse di Conte all’Europa c’era quella che l’Italia ritornasse un campo profughi”.

Un appello subito raccolto da tanti dei 500 tra sindaci e governatori che hanno applaudito l’intervento del loro leader: “Siamo disponibili a ragionare su qualsiasi ipotesi dalle nuove tecnologie a barrieramenti” dichiara il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga mentre accanto a lui la sindaca di San Germano Vercellese che in passato ha fatto un’ordinanza anti-migranti nel suo comune si dice pronta a “replicarla perché noi siamo contro gli immigrati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo, ‘nessun toscano nel Conte 2’? Quando la regione prende il posto della ragione

next
Articolo Successivo

Sondaggi, un italiano su due boccia il nuovo governo. Ma Conte è il leader che piace di più. Cala la Lega, cresce il M5s: il Pd è secondo

next