“Con la riforma della giustizia l’80% dei processi penali dovrebbe finire entro 4 anni“. Numeri che aveva già annunciato Luigi Di Maio, nei famosi dieci punti letti dopo le consultazioni al Quirinale. Adesso, però, a confermarli è direttamente Alfonso Bonafede, appena riconfermato ministro della giustizia del governo Conte 2. “L’ idea è che lo Stato finalmente dopo decenni possa dire che i processi debbono durare di meno, e questo al di là della prescrizione”, ha detto il guardasigilli intervistato da Bruno Vespa a Porta a Porta. Il tema della riforma della giustizia è uno dei motivi che hanno portato alla caduta del governo con la Lega. “La mia riconferma a ministro della Giustizia dimostra, nonostante la volontà della Lega di portarmi dentro alle polemiche, la bontà del lavoro svolto finora e la prendo come un atto di fiducia a me e a tutto lo staff del mio Ministero”, ha spiegato l’esponente del Movimento 5 stelle.

Fedelissimo di Di Maio e amico di vecchia data di Conte, Bonafede ci ha tenuto a difendere entrambi. “Noi continuiamo a dire che il premier è stato determinato dal Movimento 5 stelle ma anche che Giuseppe Conte non è iscritto al Movimento 5 stelle. Non ha partecipato alle elezioni e neanche alle riunioni politiche. L’ho presentato io al Movimento ma sono state le sue capacità a rafforzare la fiducia nei suoi confronti. Ha dalla sua una grande qualità: portare avanti valori e lavoro e il lavoro alla fine paga”, ha detto del presidente del consiglio. Totale anche la difesa del capo politico del M5s: “Di Maio non si è assolutamente indebolito. Al netto delle spudorate bugie distribuite al Paese, la crisi è stata aperta da Matteo Salvini. Di Maio ha veicolato una nuova sfida tenendo la barra dritta e a testa alta. Di Maio ha avuto il merito di avere insistito per avere Giuseppe Conte come premier.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sole 24 ore, gup di Milano ammette tutte le parti civili: anche Confindustria

next
Articolo Successivo

Ciro Grillo, sopralluogo di pm, investigatori e legali della difesa nella villa di Porto Cervo

next