Iva su, Iva giù. Ci aspetta davvero l’Apocalisse se non si riuscissero a scongiurare ancora una volta le clausole di salvaguardia che negli scorsi anni hanno permesso all’Italia di sforare i parametri di bilancio, mettendo in cambio sul piatto un paio di punti di imposta sul valore aggiunto in caso di necessità? IlFattoQuotidiano.it lo ha chiesto agli ospiti del Forum Ambrosetti di Cernobbio. Non tutti sono d’accordo. Anzi. “Ci sono altre forme di tassazione che sarebbero peggiori rispetto all’aumento dell’Iva, ma alzare quest’imposta sembrerebbe la resa di fronte alle esigenze dei conti pubblici”, dice l’ex “Mr. Forbici”, Carlo Cottarelli. Un male psicologico da evitare, insomma, come dimostrano le risposte di Luisa Todini, Alberto Bombassei ed Emma Marcegaglia, mentre qualcun altro come Riccardo Illy, Angelo Tantazzi ed Enrico Falk propone vie meno dolorose. Eccole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, patto in cinque punti Pd-M5s per riformare la Costituzione e dare al Conte bis l’orizzonte della legislatura

next
Articolo Successivo

Franceschini di fronte al barcone affondato ora opera d’arte: “Dopo mesi di odio torna l’umanità”

next