L’incertezza negli ultimi 14 mesi ci costerà più o meno, nei prossimi anni, tra i 18 e i 20 miliardi di euro, perché abbiamo diversi titoli che sono stati emessi a uno spread più alto di quello che prevaleva a inizio maggio 2018″. Sono le parole di Carlo Cottarelli, direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milano, rispondendo a una domanda del conduttore, Alberto Gottardo, durante la trasmissione “Morning Show” (Radio Cafe’).
E spiega: “Naturalmente è un calcolo di cifra cumulata, perché tiene conto che negli ultimi 14 mesi sono stati collocati anche titoli di debito pubblico a medio e lungo termine. Ma il calcolo è questo: 18-20 miliardi di euro di maggiore costo del debito pubblico rispetto a quanto sarebbe costato con lo spread a 150 di questi giorni“.

Riguardo alle priorità del nuovo governo Conte, l’ex commissario alla spending review osserva: “Credo che prima di tutto si debbano chiarire le idee su cosa intendano fare col deficit pubblico per il prossimo anno, perché dai documenti, dalle bozze di programma e dai punti che sono circolati non è chiaro per niente. Io eviterei un aumento del deficit, anche se si parla di politiche espansive. Dobbiamo tenerlo basso, intorno al 2%, anche senza nuove iniziative, però, per scongiurare definitivamente l’aumento dell’Iva, il governo dovrà trovare tra i 10 e i 15 miliardi per il prossimo anno, perché pesano e continueranno a pesare alcune decisioni del precedente governo, come quota 100“.

Cottarelli chiosa: “Qual è la virtù del nostro Paese? Siamo bravissimi in condizioni di emergenza. Quello che per noi è difficile è mantenere l’impegno, una volta che è passato il pericolo. Però siamo i più bravi a reagire nei momenti di crisi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte 2, Fattori (M5s): “Di Maio doveva restare fuori e fare solo capo politico. Paragone? E’ leghista, meglio che se ne vada ‘sua sponte'”

next
Articolo Successivo

Governo, Montaruli: “Lunedì in piazza con FdI anche i M5s delusi e Salvini”

next