“Sono contento per buona parte dei ministri che abbiamo scelto, soprattutto quelli del Movimento 5 stelle. Di Gentiloni non siamo contenti perché penso che sarebbe stato più giusto che fosse un commissario del M5s. Coi miei colleghi avevamo chiesto di essere sentiti, di deciderlo insieme. Posso capire il fatto che alcuni miei colleghi, e anche io, non siano contenti del fatto che questa cosa non sia stata decisa insieme. Mentre, quando si è trattato se votare o meno la fiducia alla von der Leyen, lì c’è stato un voto molto ragionato”. Così l’eurodeputato del Movimento 5 stelle, Dino Giarrusso. “Io escludo che io possa lasciare la delegazione, degli altri non lo so. Non è che uno fa parte del Movimento e accetta supinamente le scelte del Movimento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conte 2, siamo davanti a un ‘governo Bartezzaghi’. Sì, alla fine è stato un agosto bellissimo

prev
Articolo Successivo

Conte 2, Feltri attacca governo e Di Maio. E su Salvini: “Vittima dell’ora del coglione”. Scontro con Romeo (Lega): “Dice cazzate”

next