“Sono contento per buona parte dei ministri che abbiamo scelto, soprattutto quelli del Movimento 5 stelle. Di Gentiloni non siamo contenti perché penso che sarebbe stato più giusto che fosse un commissario del M5s. Coi miei colleghi avevamo chiesto di essere sentiti, di deciderlo insieme. Posso capire il fatto che alcuni miei colleghi, e anche io, non siano contenti del fatto che questa cosa non sia stata decisa insieme. Mentre, quando si è trattato se votare o meno la fiducia alla von der Leyen, lì c’è stato un voto molto ragionato”. Così l’eurodeputato del Movimento 5 stelle, Dino Giarrusso. “Io escludo che io possa lasciare la delegazione, degli altri non lo so. Non è che uno fa parte del Movimento e accetta supinamente le scelte del Movimento”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte 2, siamo davanti a un ‘governo Bartezzaghi’. Sì, alla fine è stato un agosto bellissimo

next
Articolo Successivo

Conte 2, Salvini annuncia presidio a Montecitorio durante il voto di fiducia: “Qualcuno farà finta di non conoscermi”

next