Nella mia lunga esperienza nell’ambito dei pregiudizi, ho incontrato moltissime persone, anche insospettabili, sia a destra che a sinistra, per le quali la parolina “rom” non rappresenta altro che l’interruttore di una serie di incontrollabili meccanismi mentali, la valvola di sfogo di rabbia, frustrazione, indignazione, odio. Le cause possono essere diverse: si va dalla semplice ignoranza infarcita da luoghi comuni a inconfessati traumi avvenuti in età infantile fino a raggiungere situazioni di chiaro opportunismo.

Negli ultimi mesi il sindaco di Giugliano in Campania è un personaggio che sulla “questione rom” ha raggiunto livelli di popolarità che hanno oltrepassato i confini italiani. Dopo lo sgombero della comunità rom locale, il tentativo di espellerla nei comuni limitrofi e le violazioni dei diritti umani di cui si è reso protagonista e sui quali si è soffermata la stampa nazionale e internazionale, nei giorni scorsi è tornato sul tema. Lo ha fatto sulla sua pagina Facebook con termini sui quali è interessante provare a fare l’esegesi.

Il 16 agosto era stato denunciato un furto all’interno degli uffici della Gesen s.pa., all’interno della discarica di Masseria del Pozzo, sul territorio giuglianese. Nove giorni dopo un incendio di origine dolosa aveva distrutto parte della struttura. “E’ un segnale allarmante – aveva commentato Antonio Poziello, sindaco di una delle aree del Paese dove l’infiltrazione camorristica raggiunge il picco più alto. In un momento delicato nella lotta agli incendi e dopo che c’erano stati una serie di allarmanti incendi e tentativi di incendio a discariche e siti di stoccaggio, è assurdo che abbiano potuto agire indisturbati, restando ore all’interno di una struttura che doveva essere vigilata. Va detto che quella palazzina ospitava proprio gli uffici del Funzionario delegato, ex Commissario alle bonifiche dell’Area Vasta. Il che lo rende ancora più allarmante”.

Incendio alla Gesen, distrutta la palazzina ufficiSi tratta di un incendio di natura dolosa, che ha seguito il furto di cavi ed altre attrezzature.I danni sono ingenti, distrutta la Palazzina Gesen, all’interno della discarica di Masseria del Pozzo.L’incendio di stanotte era stato preceduto da un furto il 16 agosto.La cosa assurda è che l’area su cui insiste la Gesen avrebbe dovuto avere una vigilanza h24, che evidentemente non era in loco, cosa per la quale il Funzionario Delegato per le bonifiche dovrà chiedere spiegazioni alla stessa.Intanto è un segnale allarmante. In un momento delicato nella lotta agli incendi e dopo che c’erano stati una serie di allarmanti incendi e tentativi di incendio a discariche e siti di stoccaggio, è assurdo che abbiano potuto agire indisturbati, restando ore all’interno di una struttura che doveva essere vigilata. Senza che nessuno notasse, vedesse, sentisse. Senza che venisse dato l’allarme.Va detto che quella palazzina ospitava proprio gli uffici del Funzionario delegato, ex Commissario alle bonifiche dell’Area Vasta. Il che lo rende ancora più allarmante.È necessario alzare la guardia. È necessario dare una risposta immediata e forte, arrestando gli autori di questo incendio e facendo sentire la presenza forte di quello Stato che, sul tema rifiuti e incendi, ci è sembrato troppe volte assente. Stiamo denunciando la sensazione di abbandono di questa terra da mesi, senza che arrivi in solo timido segnale. Avevamo anche denunciato il pericooo di incendio doloso di siti come questo, ma a niente è servito.Cosa dobbiamo aspettare più?

Pubblicato da Antonio Poziello Sindaco di Giugliano in Campania su Lunedì 26 agosto 2019

Il 29 agosto qualcuno si è introdotto nello stabile per completare l’opera di distruzione e Poziello, sindaco di sinistra vicino al governatore De Luca, ha titolato un post sulla sua pagina Facebook con parole inquietanti: “L’assassino torna sempre sul luogo del delitto”, indicando quindi nei tre atti criminosi un unico soggetto responsabile. “Così – afferma il primo cittadino – chi ha dato fuoco alla palazzina Gesen, all’interno della discarica Masseria del Pozzo, è tornato sul posto. E ha completato l’opera rubando, rompendo, distruggendo”.

L’assassino torna sempre sul luogo del delittoÈ così è stato anche questa volta. E come sempre, trova la strada libera…

Pubblicato da Antonio Poziello Sindaco di Giugliano in Campania su Venerdì 30 agosto 2019

Chi sarà stato visto che le indagini sono ancora in corso e nessuno risulta ancora essere iscritto nel registro degli indagati? Il sindaco non ha dubbi: i soggetti criminali “ci scommetto che appartengono alla comunità rom”, gli stessi che sgomberati nei mesi scorsi, ora vivono in condizioni disperate a via Carrafiello, malgrado l’intervento di deputati, attivisti, giudici della Corte Europea di Strasburgo. Forse la responsabilità è anche loro visto che, secondo Poziello, “l’attenzione mediatica e il caravan serraglio di giornalisti, avvocati e politici, magistrati, corti europee varie hanno circondato lo sgombero del campo rom del maggio scorso, deve averli convinti (ai rom, ndr) di poter fare il cazzo che gli pare”.

Secondo il sindaco la soluzione c’è, ed è inquietante: “dare una calmata ai rom”. Ma a chi tocca?, si chiede. “Chi ci deve andare a via Carrafiello e a Ponte Riccio (dove si trova l’altro campo rom di Giugliano, ndr) e far capire a queste comunità che bruciare rifiuti ogni notte, rubare e dare fuoco alle auto ogni notte, distruggere la Gesen ogni notte è qualcosa che non si fa? Io? Buonanotte!”.

Aspettiamo che qualcuno, nei prossimi giorni vada nei campi rom a trasmettere il messaggio del primo cittadino. Magari a colpi di pistola o, di notte, con bottiglie molotov, seguendo il suggerimento riportato in un commento sul post del sindaco, mai rimosso: “Risolviamo il problema… Bruciamoli vivi… Tutti”.

Non è chiaro se Poziello abbia problemi di natura personale con i “rom”. Di certo nel 2020 a Giugliano si vota ed il sindaco di sinistra ha già deciso dove orientare la sua campagna elettorale e a quali parole affidare i contenuti del suo programma.

Salvini docet. Sotto elezioni buttarsi sui rom può pagare. A patto di essere fragili umanamente e pavidi sotto il profilo politico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di cosa parliamo quando parliamo di razzismo

prev
Articolo Successivo

Bologna, richiedente asilo iscritta all’anagrafe: il Viminale fa di nuovo ricorso. Avvocati migrante: “Colpo di coda di Matteo Salvini”

next