Era febbraio e sui propri canali social Nadia Toffa aveva pubblicato una serie di video, da uno studio di registrazione, in cui cantava una propria canzone. Si chiama Diamante briciola. “Amici, fatemi sapere cosa ne pensate. L’ho scritta e ho deciso di interpretarla”. Un anno prima, nel febbraio del 2018, aveva dato l’annuncio della sua malattia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nadia Toffa, dagli esordi in tv alla conduzione delle Iene: l’inviata con il sorriso che aveva scelto di condividere la malattia con il pubblico

prev
Articolo Successivo

Nadia Toffa morta, l’ultimo messaggio della “Iena” sui social: “Vi bacio tutti”

next