È morta Nadia Toffa. La conduttrice de Le Iene si è spenta a 40 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro. L’annuncio è arrivato dallo staff della trasmissione di Italia1: “Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi”, si legge sulla pagina Facebook de Le Iene. “Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la nostra Toffa – prosegue il post della trasmissione Mediaset -, la più tosta di tutti. Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta: il cancro. Non ci resta che sperare che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto. Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso potrebbe consolarci. Niente per noi sarà più come prima“.

Nadia Toffa aveva scoperto di avere il cancro il 2 dicembre del 2017, quando fu colpita da un malore improvviso mentre si trovava a Trieste per girare un servizio per Le Iene. Trasportata d’urgenza in ospedale e poi trasferita al San Raffaele di Milano, le venne diagnosticato un tumore. Una malattia che ha combattuto con grande coraggio, parlandone pubblicamente e condividendola sui social con i fan. Ma negli ultimi mesi la terapia si era fatta più pesante e la conduttrice, che per qualche mese era tornata in tv, aveva dovuto rinunciare alla conduzione di alcune puntate del programma di Italia 1. Per poi abbandonare quasi del tutto anche i social, dove l’ultimo post risale al 1 luglio scorso, quando – dopo 20 giorni di silenzio – era tornata a farsi sentire pubblicando una foto assieme alla sua cagnolina e mandando un abbraccio virtuale a tutti i suoi followers.

I primi messaggi che arrivano dopo la morte della giornalista sono quelli dei colleghi, a partire dal presidente della Fnsi Beppe Giulietti, che scrive: “Ha saputo tenere insieme il coraggio di chi vuole ‘illuminare le oscurità’ con il rispetto per la dignità di ogni persona, a partire dalle più povere e disperate”. Enrico Mentana: “Ha avuto una forza straordinaria, ha saputo lottare con dignità e coraggio”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lorenzo Fragola su Twitter: “Salvini m…”. Il ministro: “Ascolterò altro”. Il cantante ribatte: “Sei forte come dj, 49 milioni di singoli”

next
Articolo Successivo

Nadia Toffa, dagli esordi in tv alla conduzione delle Iene: l’inviata con il sorriso che aveva scelto di condividere la malattia con il pubblico

next