Alain Delon ha avuto un ictus e una “lieve” emorragia cerebrale diverse settimane fa e da allora “riposa tranquillamente” in una clinica in Svizzera. A comunicarlo è stato il figlio maggiore dell’attore 83enne, Anthony Delon. Prima del ricovero nella struttura svizzera l’attore è stato operato al noto ospedale Pitié-Salpétriere di Parigi, dove ha trascorso tre settimane in terapia intensiva. È stato anche un grande regista, Alain Delon, e poche settimane fa aveva ricevuto una Palma d’Oro a Cannes dalle mani di sua figlia Anouchka.

“Mio padre ha avuto un incidente cardiovascolare e una lieve emorragia cerebrale”, ha detto Anthony Delon, ma le sue funzioni vitali sono “perfette e le sue condizioni stabilizzate, secondo i medici”. Durante il periodo di ricovero parigino “tutta la famiglia si è alternata al suo capezzale – ha raccontato il figlio della stella del cinema francese – mio fratello, mia sorella e mia madre Nathalie”. “Mia sorella, che ora risiede in Svizzera – ha spiegato – sta seguendo da vicino la sua guarigione e ci tiene al passo con i suoi progressi quotidiani”. Nelle ultime settimane, diverse riviste di gossip tra cui Closer e Voici avevano diffuso la notizia del suo ictus e della sua emorragia celebrale. A metà giugno, l’entourage professionale di Alain Delon aveva detto a AFP che l’attore era stato ricoverato all’ospedale americano di Neuilly “per vertigini e apparentemente lievi mal di testa”. “Sintomi probabilmente dovuti all’aritmia cardiaca subita dall’attore – aveva aggiunto la stessa fonte -È stato solo oggetto di esami precauzionali e dovrebbe essere rilasciato presto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anche quest’anno noi Cinematti abbiamo stilato la nostra classifica dei film

prev
Articolo Successivo

Charlie says, il male assoluto in un biopic sulle adepte del santone killer Charles Manson

next