Sulle spiagge pugliesi la plastica torna ad essere vietata. Lo ha deciso il Consiglio di Stato accogliendo l’istanza cautelare della Regione Puglia contro il provvedimento del Tar Puglia che aveva, a sua volta, sospeso l’ordinanza con la quale era stato proibito l’uso della plastica lungo i litorali. Quanto stabilito dalla Regione lo scorso marzo resta quindi operativo, praticamente fino al termine dell’estate, visto che l’udienza di merito verrà discussa il 29 agosto.

Con questo decreto il Consiglio di Stato ha in sostanza reintrodotto il plastic free in lidi e spiagge pugliesi. Secondo il giudice che ha accolto l’istanza della Regione, l’ordinanza è stata emanata nel legittimo esercizio delle prerogative dell’ente in materia di tutela del demanio costiero, avendo perseguito “indirettamente l’effetto di innalzare il livello minimo di tutela imposto dallo Stato in materia ambientale”.

Per i giudici amministrativi di appello, inoltre, non vi è alcun contrasto con la direttiva europea 2019/904 del 5 giugno 2019, in quanto “l’ordinanza regionale si limita a vietare l’uso di prodotti in plastica monouso nelle sole aree demaniali marittime e non incide, viceversa, sulla produzione e distribuzione di tali prodotti, cui si rivolge la disciplina europea”. Il Tar, invece, accogliendo il ricorso di alcune associazioni di produttori e distributori di bevande, aveva ritenuto che la recente direttiva europea sulle plastiche monouso invocata nell’ordinanza regionale “necessita di misure di recepimento spettanti allo Stato, anche perché incidente sulla tutela della concorrenza nella parte in cui importa restrizioni al mercato dei prodotti di plastica monouso”.

Ora il Consiglio di Stato ha stabilito, in sostanza, che la Regione ha “legittimamente perseguito – si legge nel decreto – l’interesse pubblico di settore ad una ordinata, sicura, armonica e civile fruizione del demanio marittimo” e ha deciso di sospendere l’ordinanza prima di decidere nel merito perché “la stagione estiva in corso non consente oggettivamente di procrastinare sino alla prossima camera di Consiglio la decisione cautelare d’appello”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardegna, record di furti di sabbia nell’Area marina protetta a Villasimius: sottratti 800 chili negli ultimi quattro mesi

next
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, la società lombarda partecipata da Salvini vuole un inceneritore a Tarquinia: “Arrampicata sportiva sul camino”

next